Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Protonmail, continuerà a funzionare in Russia.

“Mentre il conflitto continua, stiamo assistendo ad un forte aumento di servizi, che riflettono il desiderio dei normali cittadini russi di vedere le notizie dal resto del mondo oltre a quelle fornite dai medi Russi”

ha affermato la società.

All’inizio del conflitto militare, ProtonVPN ha annunciato la sua disponibilità a donare il 10% dei proventi negli abbonamenti a ProtonMail e ProtonVPN nelle prossime due settimane per aiutare le vittime in Ucraina.

“Molte aziende hanno annunciato che non servono più i clienti russi. Tuttavia, la missione delle aziende è proteggere la libertà di Internet in qualsiasi parte del mondo. Pertanto rimaniamo impegnati a garantire il libero flusso di informazioni in Russia il più a lungo possibile”.

Gli esperti hanno già avvertito che i tentativi di bloccare l’accesso a Internet per i normali cittadini russi potrebbero renderli più suscettibili alla propaganda e minare le norme da cui dipendono la sicurezza e la stabilità del web globale.