Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Quantum Source: L’azienda israeliana che crea i chip quantistici con il sogno di rivoluzionare il mondo

“Dan, dobbiamo parlare.” Queste erano le parole che il Prof. Barak Dayan aveva rivolto al suo vecchio compagno dell’esercito, l’imprenditore high-tech Dan Harash, quando si incontrarono a una riunione di classe tre anni fa.

Dayan, capo del laboratorio di ottica quantistica presso il Weizmann Institute of Science di Rehovot, era entusiasta. Di recente si era reso conto che una svolta raggiunta nel suo laboratorio poteva rimuovere gli ostacoli fisici chiave che devono affrontare ricercatori e aziende che cercano di sviluppare un computer quantistico. “Ci siamo resi conto che eravamo seduti sull’oro”, ricorda.

Questa conversazione ha portato all’inizio di una startup che cerca di scuotere un intero settore e ridefinire cosa si può fare con un computer, un computer quantistico.

Quantum Source, fondata meno di un anno fa, cerca di essere la prima azienda in Israele a sviluppare un nuovo tipo di processore quantistico, che sarà il cuore di un computer quantistico fotonico perfettamente funzionante ed estremamente potente.

Advertisements

Si trova in un piccolo ufficio presso il Rehovot Science Park, a pochi passi dai rigogliosi prati dell’Istituto Weizmann, dove ingegneri e fisici lavorano a questa missione.

“Ci siamo resi conto che se ci riusciamo, possiamo diventare la pietra angolare della rivoluzione”

I rischi sono palpabili, le sfide tecnologiche sono grandi, la concorrenza globale è a un livello febbrile e non c’è certezza che la missione avrà davvero successo. Ma il potenziale è chiaro: “Se avremo successo, saremo la base per la prossima rivoluzione informatica dell’umanità”, afferma Dayan, un co-fondatore e scienziato capo dell’azienda. “Se avremo successo, sarà un successo su scala Intel”. Oded Melamed, co-fondatore e CEO, è seduto al suo fianco durante l’intervista condotta negli uffici dell’azienda, sorride e concorda: “Potrebbe essere un vero punto di svolta”.

Quantum Source è il prodotto di un’insolita rete di ricerca accademica sulla fisica quantistica e il campo israeliano di sviluppo di chip per computer. Dayan si è laureato al Talpiot (il programma di formazione accademica d’élite dell’IDF) e ha otto anni di servizio presso il Ministero della Difesa, nel campo dello sviluppo di sistemi elettro-ottici.

Fonte quantistica (LR): Shulamit Semel, Barak Dayan, Oded Melamed e Gil Semo

“Mi sono reso conto che la sicurezza dello stato è come lavarsi i denti: devi salvare il Paese ogni giorno. La scienza è per sempre”. Dopo aver conseguito un dottorato presso il Weizmann Institute , è andato al California Institute of Technology per un lavoro post-dottorato. Quando tornò in Israele aprì il laboratorio di ottica quantistica.

Advertisements

Sapeva esattamente cosa stava facendo quando ha contattato Harash. Il suo amico è stato uno dei fondatori dello sviluppatore di chip israeliano Provigent, che il produttore di chip statunitense Broadcom ha acquistato circa un decennio fa per 300 milioni di dollari. 

Harash conosceva il potenziale dell’informatica quantistica, ma anche i problemi e gli ostacoli del campo. Ha esaminato l’argomento e ha concluso che la tecnologia di Dayan era commercialmente valida, ma erano ancora necessari più di alcuni test. Attraverso una conoscenza comune, i due si sono uniti a Gil Semo, una delle figure di spicco del centro di ricerca e sviluppo israeliano di Apple Inc.. Circa un anno fa, i tre sono arrivati ​​alla porta di Melamed, un altro veterano chip executive, uno dei fondatori di Altair Semiconductor, che è stato venduto a Sony nel 2016.

Melamed conosceva già bene il campo dell’informatica quantistica ed era già stato coinvolto in un’impresa separata nel campo, abbandonata dopo che la tecnologia non era riuscita a mostrare abbastanza promesse. Melamed era scettico. “Questo gruppo viene a casa mia per consultarsi sull’avvio di un’impresa. Mi parlano dell’idea – e suona del tutto delirante”, ricorda. “Mi era chiaro che quello che mi proponevano era complicato, di diversi ordini di grandezza, più di qualsiasi cosa avessi fatto prima. Più complicato di qualsiasi chip che abbiamo mai sviluppato”.

Dopo meticolosi e lunghi test e consultazioni, Melamed era finalmente convinto che l’idea fosse realizzabile e ha accettato di salire a bordo come CEO. “La decisione di unirmi mi ha solo reso più critico. Ma ci siamo resi conto che se ci riusciremo, possiamo diventare la pietra angolare della rivoluzione”.

Advertisements

Oggi l’azienda impiega 25 persone, 15 delle quali con dottorato. I loro diplomi provengono da università israeliane e da potenze accademiche americane come Yale, Columbia, MIT, Caltech e Harvard. I loro background sono diversi: scienziati quantistici, fisici, matematici, ingegneri di chip e di sistema, nonché specialisti nell’area relativamente nuova della fotonica del silicio: lo sviluppo di microchip basati su circuiti ottici.

Il campo in cui Quantum Source compete non è privo di concorrenza. Anche se per decenni la maggior parte della ricerca e dello sviluppo quantistico ha avuto luogo nel mondo accademico e negli istituti di ricerca governativi, negli ultimi anni ci sono sempre più aziende private e startup che cercano di entrare in questo spazio e sviluppare applicazioni quantistiche pratiche. Giganti come Amazon, Google, IBM e Microsoft stanno investendo nel campo.

Una foto ravvicinata mostra un frigorifero di diluizione utilizzato per raffreddare i sistemi quantistici di Intel per creare l'ambiente ideale per prestazioni qubit ottimali.

Un computer quantistico non è necessariamente più forte o più veloce di un computer normale, ma ci sono alcuni compiti matematicamente complessi che anche il computer normale più potente non può gestire, mentre per un computer quantistico sarebbe un gioco da ragazzi.