REvil colpisce HX5 ignorando gli avvertimenti di Biden.


La cyber gang REvil ha colpito un appaltatore della difesa i cui clienti includono l'esercito americano e questa è una sfacciata mossa verso il duro discorso del presidente Biden che cercava di scoraggiare il cybercrime verso alcune tipologie di aziende critiche Americane.



Il presidente Joe Biden, ha dichiarato in passato, di aver fornito al presidente russo Vladimir Putin un elenco di 16 settori infrastrutturali critici, dall'energia all'acqua, che non dovrebbero essere oggetto di attività cibernetiche dannose durante l'incontro di Ginevra.

Il gruppo REvil, presumibilmente collegato alla Russia, ha affermato di aver rubato 23 gigabyte di dati appartenenti a HX5, un appaltatore della difesa con sede in Florida che lavora sulla tecnologia aerospaziale e sulle armi, il quale elenca tra i suoi clienti l'esercito, la marina, l'aeronautica, la NASA e l'amministrazione dei servizi degli Stati Uniti D'America.



Ha pubblicato per la prima volta schermate di alcuni dei materiali presumibilmente rubati su un sito Web, "The Happy Blog", nella giornata di mercoledì.


Prendere di mira un'azienda con clienti militari statunitensi indica che i criminali informatici non hanno cambiato alcun comportamento a causa dell'azione del governo degli Stati Uniti e da Biden, secondo i professionisti della sicurezza informatica.


Brett Callow, un analista delle minacce presso la società di software Emsisoft, ha affermato che i gruppi di ransomware hanno precedentemente preso di mira gli appaltatori della difesa, ma REvil stava inviando un avvertimento.



"Questo è un po' come un rapitore che invia il mignolo piuttosto che la testa"

ha detto il signor Callow.


I professionisti della sicurezza informatica hanno collegato REvil alla Russia, sebbene operi con un modello di business attraverso "affiliati" che distribuiscono attacchi da tutto il mondo.