Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

REvil resuscita ed effettua un attacco ransomware DDoS. Possibile emulazione.

La società di sicurezza Imperva ha riferito di essere recentemente riuscita a gestire un attacco ransomware DDoS mirato a un sito Web non divulgato che ha raggiunto il picco di 2,5 milioni di richieste al secondo.

“Anche se gli attacchi ransomware DDoS non sono nuovi, questi si evolvono e diventano più interessanti nel tempo, ad ogni fase successiva della loro evoluzione”

hanno scritto gli analisti dell’azienda.

“Ad esempio, abbiamo visto casi in cui la richiesta di riscatto è stata incorporata direttamente nella richiesta dell’URL”.

richiesta di riscatto fornita da Imperva incorporata nella richiesta di estorsione dell’URL dell’attacco. 

I ricercatori affermano che un’organizzazione anonima colpita dal suddetto attacco ha ricevuto diverse richieste di riscatto, comprese quelle integrate nell’attacco stesso. Gli aggressori volevano che l’azienda effettuasse un pagamento in bitcoin, altrimenti hanno minacciato di portarlo offline, cosa che avrebbe fatto perdere alla vittima “centinaia di milioni di capitalizzazione di mercato”.

Allo stesso tempo, gli aggressori si chiamavano REvil, cioè il nome del famigerato gruppo di estorsioni, le cui attività sono state interrotte dalle forze dell’ordine all’inizio di quest’anno.

“Non è chiaro se le minacce provenissero effettivamente dal gruppo di hacker originale REvil o da un impostore”

Advertisements

osserva con attenzione Imperva.

Secondo quanto riferito, l’attacco da 2,5 milioni di richieste al secondo è durato meno di un minuto, con uno dei siti secondari gestiti dalla stessa società vittima che ha subito un attacco simile che è durato circa 10 minuti con vettori costantemente modificati per prevenire possibili mitigazioni.

Imperva ritiene che l’attacco provenga dalla botnet Mēris, precedentemente di alto profilo, che continua a utilizzare la vulnerabilità già patchata nei router Mikrotik (CVE-2018-14847) per le sue operazioni.

La principale fonte di attacco è stata l’Indonesia, seguita da Stati Uniti, Cina, Brasile, India, Colombia, Russia, Thailandia, Messico e Argentina.