REvil stava bluffando con i dati di Donald Trump?

La scorsa settimana, il presidente degli Stati Uniti #Trump è stato colpito da una serie di minacce allarmanti che i suoi dati fossero nelle mani del gruppo di criminali informatici dell'operatore #ransomware #REvil, a seguito dell’attacco alla Grubman Shire Meiselas & Sacks, lo studio legale delle star.


Gli #aggressori hanno minacciato di trapelare tali dati a meno che non siano stati pagati con 42 milioni di dollari. Tuttavia, proprio di recente in una classica inversione di rotta, hanno affermato che i dati sono stati #venduti ad un acquirente sulle #darknet e, a causa della loro politica, non pubblicheranno questi dati.


Molti però credono che tutto questo fosse una farsa e che i #criminali #informatici non avessero tra le mani dati importanti su Donald Trump.


Tuttavia, i dati di Madonna sono all'asta che inizia con 1 milione di dollari. Vediamo ora come andrà a finire.


#redhotcyber #cybersecurity #hacking #hacker #gray #cybercrime


https://www.ehackingnews.com/2020/05/israeli-security-company-nso-pretends.html