Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Rilasciato il decryptor per Hive ransomware (dalla versione 1 alla 4)

Buone notizie per le vittime del ransomware Hive: l’agenzia sudcoreana per la sicurezza delle informazioni KISA ha rilasciato uno strumento gratuito per recuperare file crittografati. 

Il decryptor è adatto per decrittare i dati interessati dalle versioni di Hive da 1 a 4.

L’agenzia ha rilasciato un file eseguibile e le istruzioni per il suo utilizzo.

Nel febbraio di quest’anno, i ricercatori della Kookmin University (Corea del Sud) hanno scoperto una vulnerabilità nell’algoritmo di crittografia utilizzato da Hive, che ha consentito loro di recuperare i dati senza la chiave di crittografia privata.

Advertisements

Hive ransomware utilizza uno schema di crittografia ibrido ma con un proprio codice simmetrico per crittografare i file. 

I ricercatori sono riusciti a recuperare la chiave master per generare la chiave di crittografia dei file senza disporre della chiave privata degli operatori Hive, ma sfruttando una vulnerabilità nella crittografia.

“Per quanto ne sappiamo, questo è il primo tentativo riuscito di decifrare il ransomware Hive. Sperimentalmente, abbiamo dimostrato che oltre il 95% delle chiavi di crittografia può essere recuperato utilizzando il nostro metodo proposto”

hanno affermato i ricercatori.

Hive genera 10 MB di dati casuali e li usa come chiave principale. 

Advertisements

Il ransomware estrae da uno specifico offset di chiave master di 1 MB e 1 KB di dati per ogni file che deve essere crittografato e lo utilizza come keystream. 

L’offset è memorizzato nel nome crittografato di ciascun file. I ricercatori sono stati in grado di determinare l’offset del keystream memorizzato nel nome del file e decrittografare il file.

La ricerca della Kookmin University ha probabilmente costituito la base del lavoro di KISA per creare il decryptor.