Russia: il crimine informatico dilaga anche al loro interno.


In onda su Direct Line il 30 giugno 2021, il presidente russo Vladimir Putin ha delineato le principali direzioni e misure per combattere le persone che commettono atti criminali contro anziani e veterani, compreso l'utilizzo dei loro dati personali.



“Mi aspettavo che il Presidente durante la Linea Diretta prestasse attenzione a questo argomento così serio. Sono completamente d'accordo con le sue parole che solo la feccia può derubare i nostri pensionati e veterani. Sostengo e penso che tali misure siano attese da tempo", ha affermato il giornalista televisivo russo Timofey Bazhenov.


Inoltre, commentando la dichiarazione del presidente, ha proposto di approvare a livello legislativo, come reato grave, le truffe commesse nei confronti di una fascia socialmente indifesa della popolazione.


Durante la "Linea diretta", il capo della Federazione Russa ha ammesso che mettere i dati personali nelle mani di malfattori contribuisce ad aumentare i crimini in questo settore.


Il presidente ha incaricato le forze dell'ordine di prestare maggiore attenzione alla lotta contro l'uso illegale dei dati personali dei cittadini della Federazione Russa.



Ha anche notato la necessità di monitorare i trasferimenti e la ricezione di fondi da parte delle banche commerciali, che, secondo Vladimir Putin, limiteranno al massimo le possibilità degli aggressori. Per migliorare l'effetto del contrasto, il presidente ha suggerito che la Banca centrale della Federazione Russa e la polizia si scambiassero prontamente informazioni su transazioni dubbie anche prima dell'avvio di procedimenti penali.

“Qualche giorno fa abbiamo discusso di questi temi alla piattaforma di esperti presso la sede del supporto pubblico di Russia Unita, dove ho tenuto una tavola rotonda. La conclusione principale è che il crimine informatico sta diventando una minaccia per la società e lo stato"

ha riassunto il giornalista televisivo.



In precedenza, Timofey Bazhenov ha proposto di imporre l'obbligo alle strutture finanziarie e commerciali di trasmettere informazioni su operazioni sospette, al massimo, entro un giorno dalla loro attuazione.