Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Screzi tra i big messenger. Durov: “Signal finanziata dal governo”.

Pochi giorni fa, il fondatore di Signal Moxie Marlinspike ha criticato il messenger di Telegram, sostenendo che la sua sicurezza era grossolanamente esagerata.

Secondo lui, anche Facebook Messenger fornisce agli utenti un livello di sicurezza superiore, se non altro perché utilizza la crittografia end-to-end, mentre in Telegram l’intera cronologia delle corrispondenze viene archiviata in forma testuale sui server dell’azienda senza alcuna crittografia e protezione dei dati personali.

La “risposta” del capo di Telegram Pavel Durov non si è fatta attendere.

Al suo canale Telegram Durov ha criticato il messenger americano, il quale, nonostante la decantata cifratura finale, sta ancora trasmettendo i contenuti delle comunicazioni a terzi in modo non cifrato.

Advertisements

Come prova, ha citato le linee guida interne dell’FBI recentemente trapelate sul recupero di messaggi e metadati dai servizi di messaggistica istantanea.

“Non sono sorpreso. Molte altre applicazioni non potrebbero garantire ai propri utenti la completa privacy, anche se lo volessero. Dal momento che i loro ingegneri vivono negli Stati Uniti, devono inserire segretamente backdoor nelle applicazioni quando ordinato dal governo. Se un ingegnere lo dichiara pubblicamente, potrebbe andare in prigione per aver violato un accordo di non divulgazione”

ha detto Durov.

Secondo il fondatore di Telegram, nella maggior parte dei casi, i servizi speciali non hanno nemmeno bisogno di un ordine del tribunale per estrarre informazioni classificate dale app di messaggistica.

“Alcune applicazioni considerate sicure fin dall’inizio sono finanziate dal governo (ad esempio Anom, Signal)”

ha concluso Durov.