Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Sotto l’effetto di cocaina e whisky ha rubato 10 milioni di dollari.

Un 45enne israeliano ha confessato di aver truffato investitori in Germania, Austria e altri paesi attraverso i call center operanti dalle città dell’Europa orientale.

L’uomo ha contribuito a rubare quasi 10 milioni di dollari a centinaia di vittime in una truffa di cybertrading su larga scala mentre era sotto l’effetto di cocaina e whisky.

Advertisements

Come riportato dall’agenzia di stampa Bloomberg, infatti, gli investitori non hanno mai avuto la possibilità di riavere indietro i propri soldi, figuriamoci di realizzare un profitto. L’imputato era un membro dell’operazione Wolf of Sofia, dal nome del suo leader, Gal B.

Dal 2015 al 2019 l’israeliano è stato gestore di call center operanti in Bulgaria, Serbia, Bosnia ed Erzegovina e Georgia. I truffatori hanno utilizzato piattaforme di trading, che hanno chiamato Safemarkets, OptionStarsGlobal, Cryptopoint, XTraderFX, ecc.

Sulla piattaforma XTraderFX, gli investitori di tutto il mondo hanno versato almeno 70 milioni di dollari in meno di un anno.

Advertisements

Gli aggressori hanno ingannato le vittime con grafici falsi che mostrano i profitti derivanti dal trading di attività finanziarie, tra cui criptovalute, opzioni binarie e CFD. Il denaro delle vittime è stato incanalato attraverso una rete di riciclaggio di denaro.

L’imputato ha confessato di aver abusato di droghe per far fronte all’alta pressione negli affari, nonché per il rimorso di aver defraudato gli investitori.

L’uomo vuole andare in un centro di riabilitazione e spera di essere trasferito in Israele, dove la sua ex moglie vive con i figli.

Advertisements