"Spiegate i pericoli della rete ai ragazzi", dopo il caso del bambino di 11 anni morto a Napoli.


Un ragazzino di 11 anni di Napoli, ha aperto la finestra, ha appoggiato uno sgabello alla ringhiera e si è lanciato nel vuoto lasciando un messaggio ai genitori «Mamma, papà vi amo. Ora devo seguire l’uomo col cappuccio nero. Non ho più tempo. Perdonatemi».


Non è chiaro se il bambino sia stato effettivamente contattato da qualcuno, o se la figura a cui fa riferimento sia frutto della sua immaginazione, magari influenzata da qualche video trovato sulla #Rete.


Ora, qualora sia stato Jonathan #Galindo, oppure uno sconosciuto su #whatsapp o una #challenge mortale, occorre riflettere a come la tecnologia possa "essere mortale" per i più piccoli, come è successo di recente alla 15enne Chloe #Philips, uccisa da una challenge su #TikTock.


"Bisogna condividere con loro i #rischi perché non esiste una #vulnerabilità intrinseca che possa portare ad un maggior rischio", spiega Vera Cuzzocrea psicologa giuridica e psicoterapeuta Consigliera dell’Ordine degli Psicologi del Lazio.


La rete sta diventando sempre più pericolosa ed insidiosa per i più piccoli. Stiamo dietro ai nostri figli e generiamo consapevolezza prima che sia troppo tardi.


#redhotcyber #cybersecurity #bambini #tecnologia


https://www.vanityfair.it/news/approfondimenti/2020/10/01/ragazzo-11-anni-suicidio-napoli-piscologa-istigazione-web-galindo

4 visualizzazioni

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now