Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
Tesla bug sicurezza
Tesla bug sicurezza

Tesla con guida autonoma sorprende la polizia: il guidatore dormiva al volante!

Una Tesla stava sfrecciano in una autostrada tedesca quando la polizia locale si è accorta che nessuno era al volante.

La pattuglia ha segnalato all’auto, ma l’autista di 45 anni addormentato nella sua Tesla, non ha reagito. La polizia si è messa ad inseguire la Tesla per circa 15 minuti ad una velocità di 110 km/h.

Una volta arrivata a destinazione, gli agenti hanno trovato l’autista sdraiato sul sedile con gli occhi chiusi. Ciò ha rafforzato il sospetto che avesse attivato il pilota automatico e si fosse addormentato. 

Secondo la polizia, l’autista era sotto l’effetto di sostanze illegali. Gli agenti hanno anche trovato un peso nello spazio per le gambe. Si tratta di un dispositivo progettato per aggirare il sistema di sicurezza Tesla simulando il fatto che il guidatore era al volante.

Mentre l’autopilota è in funzione, Tesla richiede al conducente di rimanere attento al volante dell’auto. Una volta attivato, l’autopilota emetterà una serie di avvisi che invitano il conducente a mettere le mani sul volante se viene rilevata una pressione insufficiente. 

L’automobilista è ora indagato per pericolo di circolazione e ha dovuto consegnare la patente fino a quando il caso non sarà risolto.