Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Tesla fa causa ad un suo ingegnere che ha sottratto proprietà intellettuale.

Tesla, come abbiamo riportato in precedenza, sta sviluppando il suo supercomputer, soprannominato Project Dojo, per elaborare enormi quantità di dati, inclusi i video dei veicoli Tesla, e utilizzarli per creare software per la guida autonoma. 

Alexander Yatskov è stato assunto a gennaio come ingegnere termico per aiutare a progettare sistemi di raffreddamento per il supercomputer di Tesla, che come tutti i supercomputer genererà molto calore.

“Questi calcoli termici e dati sono riservati e strettamente custoditi in Tesla”

ha affermato il produttore di veicoli elettrici Tesla.

Yatskov ha ammesso di aver scaricato informazioni sensibili sui suoi dispositivi personali. Per cercare di coprire le sue tracce, ha consegnato un computer “falso” per la verifica, ha affermato la società. 

Inoltre, dopo essere stato licenziato il 2 maggio, l’ingegnere ha rifiutato di restituire le informazioni, secondo la denuncia di Tesla. 

Secondo la società, ha violato un accordo di non divulgazione che gli vietava di rivelare segreti commerciali.

Tesla sta cercando il risarcimento dei danni in un ordine esecutivo che impedirebbe a Yatskov di divulgare i suoi segreti commerciali e gli richiederebbe di restituire tutti i dati sensibili.