Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

Twitter rimuove i tweet del governo cinese

Il team anti-propaganda di Twitter, il 27 novembre si è trovato di fronte a una marea di contenuti sgradevoli provenienti dalla Cina che secondo i ricercatori miravano a frenare le notizie di proteste di massa in Cina contro le restrizioni legate al coronavirus.

Un numero enorme di account cinesi, alcuni dei quali inattivi da mesi o anni, hanno iniziato a inviare spam dalla domenica mattina con collegamenti a servizi di escort, pornografia e altri contenuti per adulti.

La campagna è stata notata da ricercatori della Stanford University ed esperti di altri paesi. 

Alex Stamos, direttore dello Stanford Internet Observatory, ha affermato che il suo team sta lavorando per determinare quanto sia diffusa ed efficace la campagna.

Nel giro di poche ore, chiunque abbia cercato post e utilizzato nomi di luoghi cinesi ha visto tweet di spam invece di informazioni sulle proteste. 

Un ex dipendente di Twitter, che ha chiesto di rimanere anonimo, ha affermato che si trattava di un problema noto che il team della piattaforma ha affrontato manualmente, oltre agli strumenti di automazione.

Secondo un ex dipendente di Twitter, questa non è la prima volta che account sospettati di avere legami con il governo utilizzano questa tecnica. In precedenza, questo veniva utilizzato per screditare gli account menzionandoli negli annunci di servizi.

Twitter sta attualmente lavorando a una soluzione al problema. 

E domenica sera, le notizie e le immagini delle proteste avevano già cominciato a comparire durante la ricerca di postazioni nelle città in cui si stavano svolgendo i comizi.