Red Hot Cyber

La cybersecurity è condivisione.
Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed 
incentiva gli altri a fare meglio di te.

Cerca
Crowdstrike

Un altro bug critico su Ivanti. Gateway Connect Secure, Policy Secure e ZTA da aggiornare

Redazione RHC : 10 Febbraio 2024 08:07

Ivanti ha avvisato i clienti di una nuova vulnerabilità di bypass dell’autenticazione che interessa i gateway Connect Secure ( ICS ), Policy Secure (IPS) e ZTA, esortando gli amministratori a proteggere immediatamente i propri dispositivi.

La società ha affermato in un comunicato che la vulnerabilità CVE-2024-22024 (punteggio CVSS: 8.3) è dovuta a un difetto XXE (XML eXternal Entities) nel componente SAML Gateways, che consente a un utente malintenzionato remoto non autenticato di ottenere l’accesso a risorse limitate su dispositivi senza patch in attacchi bassa complessità senza interazione o autenticazione da parte dell’utente.

La vulnerabilità è stata scoperta durante una revisione interna condotta dall’azienda nell’ambito di un’indagine in corso sui molteplici difetti dei prodotti scoperti dall’inizio dell’anno. 

Alla fine di gennaio, Ivanti ha rilasciato una serie di patch per i gateway vulnerabili Connect Secure (ICS) e Policy Secure (IPS). Parallelamente, però, l’azienda ha scoperto altre due nuove vulnerabilità zero -day , una delle quali viene sfruttata attivamente.

La vulnerabilità CVE-2024-22024 interessa le seguenti versioni del prodotto:

  • Ivanti Connect Secure (versioni 9.1R14.4, 9.1R17.2, 9.1R18.3, 22.4R2.2 e 22.5R1.1),
  • Ivanti Policy Secure (versione 22.5R1.1),
  • ZTA (versione 22.6R1.3).

L’azienda ha già rilasciato aggiornamenti per correggere il difetto:

  • Connect Secure versioni 9.1R14.5, 9.1R17.3, 9.1R18.4, 22.4R2.3, 22.5R1.2, 22.5R2.3 e 22.6R2.2;
  • Policy Secure versioni 9.1R17.3, 9.1R18.4 e 22.5R1.2;
  • Versioni ZTA 22.5R1.6, 22.6R1.5 e 22.6R1.7.

Ivanti sottolinea che al momento non ci sono prove di uno sfruttamento attivo della vulnerabilità, tuttavia, dato l’uso diffuso delle vulnerabilità risolte all’inizio di febbraio, l’azienda raccomanda vivamente agli utenti di applicare le ultime patch il prima possibile.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.