Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Un hacker solitario ha abbattuto internet della Corea del Nord. E sembra che sia vero.

A metà del mese scorso, la Corea del Nord ha subito una serie di misteriose interruzioni di Internet, culminate il 26 gennaio, quando il paese è andato completamente offline.

Circolavano voci secondo cui il motivo per la disconnessione della RPDC dalla rete globale fosse un attacco informatico, ma non si sapeva chi c’era dietro.

Secondo Wired, qualcuno con lo pseudonimo di P4X ha rivendicato l’incidente. Secondo lui, ha abbattuto Internet in Corea del Nord completamente da solo per rappresaglia per il fatto che lui stesso era stato precedentemente vittima di hacker nordcoreani.

Nel gennaio 2021, Google Threat Analysis Group ha scoperto una campagna dannosa rivolta a ricercatori di sicurezza specializzati nella bug hunting. Lo scopo dell’operazione, eseguita da hacker che lavorano per il governo della RPDC, era quello di rubare le attività di ricerca e i rispettivi strumenti.

Advertisements

Secondo P4X, è stato una delle vittime di questa campagna. L’FBI ha contattato il ricercatore, ma sentiva ancora che le misure adottate dalle autorità non erano sufficienti, quindi ha deciso di prendere in mano la situazione.

Cosa ha fatto?

Ha sfruttato le vulnerabilità nei sistemi nordcoreani per lanciare attacchi DoS su server e router che supportano la rete nel paese.

P4x infatti, afferma di aver trovato numerose vulnerabilità note ma senza patch nei sistemi nordcoreani che gli hanno permesso di lanciare da solo attacchi “denial-of-service” sui server e sui router da cui dipendono le poche reti connesse a Internet del paese.

Advertisements

Per la maggior parte, ha rifiutato di rivelare pubblicamente quelle vulnerabilità, che secondo lui avrebbero aiutato il governo nordcoreano a difendersi dai suoi attacchi. Ma ha nominato, ad esempio, un bug noto nel software del server Web NginX che gestisce male alcune intestazioni HTTP, consentendo ai server che eseguono il software di essere sopraffatti e portati offline.

Ha anche accennato alla ricerca di versioni “obsolete” del software del server web Apache e dice di aver iniziato a esaminare il sistema operativo homebrew nazionale della Corea del Nord, noto come Red Star OS,

Sebbene le affermazioni di P4X possano essere a prima vista discutibili, a giudicare dai materiali che ha fornito a Wired, l’hacker sta dicendo la verità. Le registrazioni dello schermo e le analisi dell’attività online della Corea del Nord durante gli attacchi confermano le sue affermazioni.

Poiché la maggior parte dei residenti della RPDC in linea di principio non ha accesso a Internet, è improbabile che qualcuno abbia notato la chiusura della rete globale in tutto il paese. Tuttavia, secondo P4X, aveva un solo obiettivo: mettere in guardia il governo nordcoreano.

Advertisements

“Volevo influenzare il minor numero possibile di persone e quanto più governo possibile”

ha spiegato il ricercatore.

P4X ha anche lanciato un sito web underground chiamato FUNK Project (FU North Korea) per reclutare hacktivisti disposti a opporsi al regime di Kim Jong-un.

Quindi, non mettetevi contro i bug hunter, perchè le capacità le hanno per fare danno importanti, anche da soli.