Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Un indagato cancella le prove sul suo smartphone attraverso l’opzione privacy di Google.

Un uomo arrestato negli Stati Uniti con l’accusa di seduzione di una ragazza minorenne, con l’aiuto di un amico, è riuscito a cancellare a distanza i dati dal suo telefono Samsung dopo che era stato confiscato dalla polizia e prima che l’FBI analizzasse il dispositivo.

Secondo il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Anmol Chu ha cercato di uscire con una ragazza che credeva avesse più di 15 anni. Ha chattato con lei su un’app di appuntamenti, le ha inviato immagini sessualmente esplicite e ha chiesto delle foto di nudo. All’insaputa dell’uomo, tuttavia, stava effettivamente parlando con un agente dell’FBI sotto copertura.

Durante un’operazione speciale dell’FBI che ha portato all’arresto di 15 uomini in Illinois, Chu è stato arrestato il 14 febbraio di quest’anno.

Più tardi quel giorno, mentre era in prigione a Kankakee, nell’Illinois, Chu fece diverse telefonate. Durante uno di questi, Chu ha informato sua moglie dell’arresto. Un’altra chiamata è stata indirizzata a uno sconosciuto, al quale il chiamante ha fornito le informazioni per accedere al suo account Google.

Advertisements

Secondo le forze dell’ordine, l’uomo ha chiesto a suo fratello Vishu in India, di avviare un ripristino remoto del telefono Samsung S9, che gli era stato sottratto durante l’arresto.

Il contatto ha informato la polizia del rifiuto di aiutare il sospettato per paura di infrangere la legge, ma in qualche modo i dati sul dispositivo sono stati cancellati. Questo è il raro caso in cui un sospetto è stato in grado di distruggere potenziali prove mentre era in custodia utilizzando la funzione di protezione della privacy di Google.

Chu è stato accusato di aver tentato di costringere un minore in rapporti sessuali. Il governo ha anche accusato Chu di

“alterare, occultare e falsificare consapevolmente documenti e oggetti materiali e di aver tentato di ostacolare un’indagine”.

Si è dichiarato non colpevole di queste accuse.

Advertisements

Secondo un esperto incaricato ad analizzare il telefono, i professionisti della scientifica digitale hanno utilizzato per anni dispositivi di archiviazione per scopi speciali chiamati borse di Faraday per impedire la cancellazione remota dei dati.