Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Un mafioso italiano, latitante da 20 anni, arrestato grazie a Google street view.

La polizia italiana ha arrestato Gioacchino Gammino, 60 anni, boss mafioso siciliano dopo 20 anni di perquisizioni senza successo. La sua detenzione è stata resa possibile grazie a Google Street View.

Gioacchino Gummino fu condannato per omicidio ed era considerato uno dei mafiosi più ricercati d’Italia. Gammino confuse un passante con un membro della mafia ostile di Cosa Nostra quando gli sparò.

Advertisements

Dopo essere fuggito dall’Italia, visse per molti anni nella cittadina di Galapagar vicino a Madrid, dove si sposò e cambiò il suo nome in Manuel mentre commerciava verdure e gestiva un ristorante siciliano con un menu in stile Padrino.

Gummino ha rivelato la sua posizione per caso: è stato fotografato da una macchina di Google Maps. Dopo che il frame è apparso in rete, la polizia ha notato che l’uomo era molto simile al criminale ricercato.

Quando la polizia è arrivata per trattenere l’italiano, lui è rimasto estremamente sorpreso. Secondo lui, per dieci anni non ha nemmeno chiamato la sua famiglia per non rischiare.

Advertisements

Saranno state le AI di Google oppure una casualità, ma anche questi sono i risultati della lotta al crimine portati dalla tecnologia. Ora occorre riflettere su quanta privacy vogliamo perdere per avere un mondo più sicuro.