Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Un nuovo strato di censura s Great Firewall of a China scoperto dagli accademici.

Un team di accademici dell’Università del Maryland ha scoperto uno strato precedentemente nascosto nel sistema di censura cinese del Great Firewall.

Introdotto alla fine degli anni ’90, il Great Firewall (GFW) è un sistema di middlebox installato presso i punti di scambio nelle infrastrutture dei fornitori di servizi Internet cinesi che consentono al governo di intercettare il traffico Internet, scoprire il suo contenuto e bloccare le connessioni a siti Web e server che lo stato non ritiene accettabili.

Mentre ci sono diversi meccanismi di censura all’interno del “Great Firewall of a China” che soddisfano diversi protocolli, il suo sistema più potente e tecnicamente avanzato è quello pensato per gestire il traffico web crittografato HTTPS.

Oggi, questo meccanismo di censura HTTPS include due sistemi separati.

Advertisements

Il primo, e il più vecchio, è quello che funziona intercettando le connessioni HTTPS nelle loro fasi iniziali e quindi esaminando un campo dati di connessione chiamato SNI, che espone il dominio a cui l’utente sta tentando di accedere.

Anche se i censori cinesi non possono decifrare il contenuto della connessione HTTPS effettiva, questo campo SNI consente al governo cinese di impedire agli utenti di accedere a siti indesiderati.

Il secondo, introdotto lo scorso anno, è simile al primo ma si rivolge a connessioni HTTPS che utilizzano protocolli moderni che crittografano il campo SNI (come eSNI).

Poiché questo sistema non consente di apprendere a quale dominio gli utenti stanno tentando di accedere, questo meccanismo di censura è molto più schietto perché il GFW blocca semplicemente tutte le connessioni dove vengono rilevati eSNI.

Advertisements

Questo secondo sistema non è ampiamente distribuito, poiché i censori stanno ancora testando le sue capacità e pochissime connessioni HTTPS utilizzano la eSNI.

In un documento di ricerca pubblicato questa settimana, gli accademici dell’Università del Maryland hanno rivelato di aver trovato un sistema di filtraggio SNI HTTPS secondario che funziona in parallelo con il primo.

“Questa è stata in realtà una scoperta accidentale dove ci siamo imbattuti nel 2019”.

Riporta Kevin Bock, Ph.D. candidato nel dipartimento di informatica dell’Università del Maryland, che ha dichiarato a The Record in una e-mail.

“Abbiamo iniziato a trovare strane strategie in cui Ginevra (un sistema di evasione della censura) stava sconfiggendo la censura nella prima parte dell handshake TLS (dove si pensava che la censura si verificasse). All’epoca non l’abbiamo compreso appieno, ma i nostri strumenti e la nostra comprensione del GFW sono migliorati e ora comprendiamo questi strani risultati”

ha aggiunto Bock.

Advertisements

“Non sappiamo esattamente cosa sia, ma sembra specifico per HTTPS: non vediamo lo stesso comportamento sugli altri protocolli che censurano”

ha detto il ricercatore a The Record.

“Non abbiamo alcuna prova che suggerisca che si tratti di un sistema di test o di un livello di sviluppo: il mio istinto dice che molto probabilmente si tratta solo di un secondo set di middlebox in esecuzione in parallelo con il primo, che funge da ridondanza”.

Fonte

https://www.redhotcyber.com/wp-content/uploads/attachments/foci21.pdf