Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Una donna paga un sicario per uccidere il marito, ma il sito la denuncia alla Polizia.

Una donna del Michigan è stata condannata per aver tentato di assumere un sicario attraverso un sito web chiamato “RentAHitman.com” per uccidere il suo ex marito, ma invece ha ricevuto una condanna da sette a 20 anni di reclusione, secondo i rapporti locali.

Il sito web non era reale e il suo proprietario ha inviato la richiesta di Wendy Lynn Wein, 52 anni, residente a South Rockford, alla polizia di stato invece che ai sicari.

È stata arrestata nel luglio 2020 e si è dichiarata colpevole di adescamento di omicidio e utilizzo di un computer per commettere un crimine il 13 novembre 2021.

Durante la sua udienza di condanna giovedì scorso, ha detto di volersi assumere la piena responsabilità del suo crimine, secondo FOX 2 Detroit.

Advertisements

“Non sto cercando scuse per me stessa”

ha detto in aula.

“Volevo semplicemente farti sapere dov’era la mia testa.”

Riferendosi al marito. Il giudice Daniel White ha affermato di aver preso in considerazione sia la gravità del suo crimine che la sua salute mentale quando ha deciso la sentenza. Le verrà assegnato un credito a tempo per i 545 giorni che ha già trascorso dietro le sbarre.

Pur utilizzando uno pseudonimo, ha inserito informazioni reali in fondo alla sua richiesta in cui accusava l’ex, secondo le autorità. Chi stava dietro al sito, si atteggiava a potenziale sicario, hanno detto i pubblici ministeri, e Wein gli ha pagato 200 dollari come acconto su quello che credeva sarebbe stato un omicidio su commissione di 5.000 dollari.

Il proprietario del sito web in California, Bob Innes, ha detto a KGO-TV lo scorso anno, di averlo sviluppato come progetto di classe nel 2005 e di aver inoltrato le richieste del sicario alle autorità per anni.

Advertisements

Quando ha visto il messaggio di Wein, ha detto alla Polizia, si è “atteggiato” ad assassino dal nome di “Guido Fanelli” e le ha offerto la possibilità di entrare in contatto con un “agente sul campo”.

Lei ha risposto “‘Sì'”, quindi, è stato allora che ha contattato la Polizia di Stato del Michigan e da li che si sono dispiegate le indagini.