Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Una flotta di 100 navi senza pilota si appresta a pattugliare il Golfo Persico

Una flotta senza pilota nelle acque del Medio Oriente si sta iniziando a riunirsi, ha detto mercoledì il comandante della 5a flotta.

Ma non è chiaro quanti droni forniranno gli stati alleati come Bahrain e Kuwait, o quali altri paesi alla fine completeranno la flotta prevista. 

“Vedremo. E lasceremo tutto a loro”

ha detto il vice amministratore Brad Cooper ai giornalisti al Pentagono.

A febbraio, Cooper ha annunciato l’obiettivo di avere 100 navi di superficie senza pilota che possano pattugliare il Golfo Persico, il Mar Rosso e altre acque regionali entro la fine dell’estate del 2023. 

La regione ospita già la Task Force 59, l’hub della Marina militare dove vengono sperimentati sistemi senza pilota e intelligenza artificiale. 

Il Comandante Tim Hawkins, un portavoce della 5a flotta, ha dichiarato in una e-mail che spetta al Kuwait e al Bahrain decidere il numero di droni con cui vogliono contribuire. 

Le esatte piattaforme di droni nella flotta saranno un mix a seconda di ciò che ogni paese sceglie, ma Cooper crede che molti saranno probabilmente droni fabbricati negli Stati Uniti perché 

“Abbiamo i droni più capaci che siano in produzione. Mi piace molto la direzione in cui stiamo andando con i partner nel loro intento. Tutti vedono il vantaggio intrinseco di queste piattaforme”

ha affermato.

La regione del Golfo Persico è un’area importante per il commercio marittimo, nonché il contrabbando di droga e armi. I droni lavoreranno con navi con equipaggio per espandere il modo in cui gli Stati Uniti e altri paesi operano nella regione.