Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

UniCC, il più grande sito underground di vendita di carte di credito ha chiuso.

L’amministrazione del più grande sito darknet per la vendita di dati di carte di credito rubate, UniCC, ha annunciato la chiusura della piattaforma. Secondo gli esperti della società Elliptic, dal 2013 sul sito sono stati effettuati 358 milioni di dollari di acquisti in Bitcoin, Litecoin, Ether e Dash.

Il messaggio di chiusura è stato pubblicato sui forum degli hacker in lingua inglese e russa. Questo è successo un anno dopo che l’amministratore di un altro sito, Joker’s Stash , si è ritirato avendo guadagnato miliardi di dollati. UniCC ha sfruttato il gap di mercato lasciato dal Joker’s Stash ed è diventato rapidamente il leader con una quota di mercato del 30%.

Advertisements

Centinaia di milioni di dati delle carte di pagamento sono stati rubati da negozi online, banche e società di pagamento e poi venduti per criptovaluta in mercati online come UniCC. I dettagli delle carte rubate vengono utilizzati per acquistare oggetti di alto valore o buoni regalo che possono essere poi rivenduti in contanti.

Questo processo è noto come “carding” ed è diventato una parte fondamentale della strategia dei criminali informatici. Il carding viene utilizzato anche per riciclare e incassare criptovalute derivate da altri tipi di crimini informatici.

Nell’ottobre 2021, anche uno dei più grandi mercati della darknet, White House Market, ha annunciato la sua chiusura. È stato seguito da Cannazon a novembre e Torrez a dicembre. Entrambi specializzati nella vendita di sostanze illegali.

Advertisements

Una serie di recenti chiusure di siti ha potenzialmente stimolato UniCC poiché i commercianti illegali vedono l’opportunità di fuggire con i fondi degli utenti o di dimettersi, evitando un maggiore controllo delle forze dell’ordine.

Ad esempio, nel luglio 2021, nell’ambito di un’operazione congiunta, le forze dell’ordine di Stati Uniti, Germania, Paesi Bassi e Romania hanno disattivato l’infrastruttura del mercato sotterraneo di Slilpp.

Advertisements