Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Uno sviluppatore Open Source inserisce un bug nella libreria come protesta.

Gli utenti delle popolari librerie open source “colors” e “faker” sono rimasti sbalorditi nel vedere le loro applicazioni che utilizzano queste librerie, iniziare a digitare senza senso delle parole per poi andare in crash. Secondo gli utenti, i messaggi includevano il testo “LIBERTY LIBERTY LIBERTY” seguito da una sequenza di caratteri non ASCII.

Come suggerito dagli utenti, le librerie npm sono state compromesse, ma in realtà lo sviluppatore della libreria ha introdotto deliberatamente un ciclo infinito, bloccando migliaia di progetti dipendenti.

La libreria “color” ha oltre 20 milioni di download settimanali solo sul portale npm ed è utilizzata da quasi 19.000 progetti. La libreria fake, a sua volta, ha oltre 2,8 milioni di download di npm e da essa dipendono oltre 2,5 mila progetti.

Uno sviluppatore di nome Marak Squires ha aggiunto un nuovo modulo alla libreria, versione colors.js v1.4.44-liberty-2, che ha poi trasferito su GitHub e npm. Anche le versioni danneggiate 1.4.1 e 1.4.2 sono apparse in npm.

Advertisements

Il loop inserito nel codice avvia la stampa infinita di una sequenza di caratteri non ASCII. Allo stesso modo, una versione sabotata di “fake 6.6.6” è stata pubblicata su GitHub e npm.

La ragione di questa atrocità da parte dello sviluppatore sembra essere una rappresaglia contro le mega-corporazioni ei consumatori commerciali di progetti open source che fanno molto affidamento sul software libero supportato dalla comunità.

Nel novembre 2020, Marak ha avvertito che non avrebbe più sostenuto le grandi società con i suoi “lavori gratuiti” e che le organizzazioni commerciali dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di fare fork dei progetti o di pagare allo sviluppatore uno stipendio annuale “a sei cifre”.

Secondo quanto riferito, GitHub ha bloccato l’account dello sviluppatore, provocando reazioni contrastanti da parte degli utenti.

Advertisements

“La rimozione del codice nativo da GitHub costituisce una violazione dei loro Termini di servizio? Dobbiamo iniziare a decentralizzare l’hosting del codice sorgente del software libero”

ha commentato l’ingegnere del software Sergio Gómez.