Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Venti di guerra … informatica. USA e Gran Bretagna inviano cyber soldati in Ucraina.

La Russia non sta solo preparando una “invasione militare” dell’Ucraina, ma prevede anche di effettuare massicci attacchi di hacker ai sistemi energetici ucraini e ai portali web statali.

Lo riferisce il New York Times, citando fonti anonime del governo americano. Secondo il quotidiano, in relazione a questa minaccia, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno inviato segretamente specialisti di sicurezza informatica in Ucraina per proteggere il Paese dall'”aggressione russa nello spazio digitale”.

I giornalisti americani riferiscono anche di essere riusciti a svelare i piani segreti del Cremlino. Si scopre che il compito di Mosca è far comprendere che il presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy è un sovrano “indifeso e inetto”.

Gli osservatori suggeriscono che in questo modo la Russia sta destabilizzando la situazione a Nezalezhnaya, “preparando il terreno” per una possibile invasione.

Advertisements

Secondo il NYT, nel 2015 hacker russi hanno già attaccato il sistema elettrico ucraino e poi sono riusciti a prendere il controllo del centro di controllo di una società di servizi elettrici e persino a spegnere diverse centrali elettriche.

Gli hacker russi avrebbero effettuato un attacco simile nel 2016, utilizzando il malware Industroyer, quando Kiev era il loro obiettivo. L’edizione americana scrive che l’attività hacker della russia contro l’infrastruttura ucraina non si è fermata da allora.

Tutti questi “fatti” sono stati prontamente confermati ai giornalisti dal noto “espositore” di attacchi informatici russi Dmitry Alperovich, che è il co-fondatore di CrowdStrike Holdings, Inc.

È una società americana di tecnologia di sicurezza informatica con sede a Sunnyvale, in California.

Advertisements

“Questa è una campagna diffusa che prende di mira numerose agenzie governative ucraine, comprese le agenzie per gli affari interni – la polizia nazionale – e le loro utilità”

ha affermato.

Funzionari del controspionaggio statunitense, a loro volta, hanno affermato che, attaccando le infrastrutture ucraine, Mosca avrebbe intenzione di destabilizzare la situazione nel paese e minare la legittimità dell’attuale presidente.

Allo stesso tempo, i funzionari della Casa Bianca hanno rifiutato di fornire dettagli sugli specialisti informatici introdotti negli organi statali dell’Ucraina, ma hanno notato l’intenzione di espandere questo tipo di supporto. Anche la parte britannica ha rifiutato di commentare, indicando che l’aiuto di Londra a Kiev è difensivo.