Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

YouTube blocca il canale della Duma di Stato Russa. Ed è subito bufera.

Alla fine della scorsa settimana, YouTube ha bloccato il canale televisivo della Duma di Stato della Federazione Russa. Come hanno poi riferito sul canale Telegram di Interfax, i rappresentanti del servizio stampa di Google hanno detto che il canale è stato bloccato a causa delle leggi sulle sanzioni e del rispetto delle regole commerciali.

“Se scopriamo che un account viola i Termini di servizio, adottiamo le misure appropriate”

ha affermato la società.

I rappresentanti del regolatore, a loro volta, hanno chiesto di revocare immediatamente il blocco e di spiegare il motivo dell’introduzione di tali restrizioni.

Advertisements

“La Duma di Stato dell’Assemblea Federale della Federazione Russa è un organo di potere rappresentativo e legislativo nella Federazione Russa, una delle camere del Parlamento. Il blocco del canale youtube dell’ente statale, effettuato dall’amministrazione dell’hosting video, ostacola la diffusione delle informazioni e il libero accesso alle stesse. L’hosting video è una piattaforma chiave per la diffusione di fake news, discriminando le fonti ufficiali di informazione russe”

Ha affermato Roskomnadzor.

Dopo l’incidente, la rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha dichiarato nel suo canale Telegram che

“apparentemente, YouTube ha firmato una sentenza per se stesso”

e ha invitato tutti a trasferire i contenuti su altre piattaforme, prevedendo un blocco anticipato del servizio in Russia. Sembra che il punto di vista di Zakharova sia condiviso dal portavoce della Duma di Stato Vyacheslav Volodin, il quale scrive :

 “Le autorità statunitensi stanno costringendo le società IT americane che possiedono i social network a condurre una guerra dell’informazione contro il nostro Paese. Washington, cancellando tutti i principi della democrazia, fa di tutto perché solo il suo punto di vista e nessun altro sia presente sulle piattaforme, compreso YouTube. Gli Stati Uniti vogliono avere il monopolio sulla promozione dell’informazione. Non possiamo permetterlo”.

Dopo l’inizio dell'”operazione speciale” in Ucraina, Roskomnadzor ha ripetutamente accusato YouTube di numerose violazioni e l’ha definito “uno strumento nella guerra dell’informazione anti-russa”.