Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Zuckerberg afferma che Facebook è vittima di diffamazione.

Il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha risposto alle accuse contro la sua azienda da parte dei principali media mondiali. Secondo lui, il social network sta facendo di tutto per migliorare. L’azienda ha un ambizioso piano di ristrutturazione del valore di decine di miliardi di dollari.

Quello che sta accadendo secondo lui è una calunnia e una distorsione della realtà.

Advertisements

Così il capo di Facebook, Mark Zuckerberg, ha commentato la pubblicazione dei documenti interni all’azienda – i cosiddetti Facebook Papers – che hanno riportato come Facebook stia trascurando i principi di libertà, di parola e di uguaglianza.

I documenti sono stati presentati alla stampa da un’ex dipendente dell’azienda, Frances Haugen che in precedenza ha testimoniato pubblicamente al Congresso degli Stati Uniti e al Parlamento britannico sulle regole aziendali interne di Facebook.

Mark Zuckerberg ha notato che le critiche coscienziose aiutano a migliorare. Tuttavia, ciò che sta accadendo ora è uno sforzo coordinato per utilizzare selettivamente la documentazione attuale per presentare un’immagine distorta di Facebook.

Advertisements

Zuckerberg concorda che le organizzazioni non dovrebbero decidere in modo indipendente le politiche sui media.

A volte è necessaria la regolamentazione del governo. Quando si prendono decisioni, ha affermato, è importante trovare il giusto equilibrio tra libertà di parola, giustizia sociale, riduzione dei contenuti dannosi e l’applicazione della crittografia per la privacy.

Zuckerberg ha anche rilasciato qualche altra dichiarazione. In particolare, ha affermato che il social network Facebook ha investito quest’anno oltre 5 miliardi di dollari nella sicurezza degli utenti definendo strumenti per combattere i contenuti dannosi. Inoltre, ha sottolineato che Facebook investirà decine di miliardi di dollari in tecnologie di realtà virtuale nei prossimi anni.

Advertisements