Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
Cerca

Red Hot Cyber

Nopay Ransomware

Sempre più aziende vengono colpite dal ransomware in Italia.

Sempre più aziende comprendono dopo un attacco informatico che con la cybersecurity non si scherza e che occorre investire sempre di più per mitigare il rischio informatico all’interno di una organizzazione.

Il gruppo HackerHood della community di Red Hot Cyber, mette a disposizione il loro know-how in un nuovo programma, unico nel suo genere, creato per aiutare le aziende ad uscire da una crisi informatica a seguito di un  incidente ransomware e allo stesso tempo aiutare la comunità a migliorare le proprie difese informatiche, incentivando lo studio e l’analisi delle minacce.

Chiediamo alle aziende 3 soli giorni per analizzare le informazioni e tentare di ripristinare le loro infrastrutture.

Questo lavoro ci permette di:

  1. Disincentivare il pagamento del ransomware;
  2. Aiutare le aziende ad uscire da un incidente informatico tentando di ripristinare le loro infrastrutture IT;
  3. Incentivare l’analisi tecnica e la malware Analysis e lo studio delle nuove minacce.

Occorre stare molto attenti quando sopraggiunge il dilemma se pagare o non pagare il riscatto.

Dopo il pagamento di un riscatto, non sempre viene fornita la chiave di decrittazione oppure, in molti casi quando si tenta il ripristino, non sempre tutti i file vengono de crittografati sui sistemi target per problematiche tecniche di varia natura.

Inoltre, una volta che è stato pagato il riscatto, l’azienda viene “bollata” dalla criminalità informatica come “azienda che paga“. Questo sta a significare che possono essere possibili futuri attacchi informatici della stessa natura verso la stessa azienda.

“Nopay ransomware” è l’unico programma etico che nasce per migliorare la conoscenza del ransowmare in Italia e aiutare le aziende, oltre ad aumentare la consapevolezza al rischio di questa insidiosa minaccia che aumenta costantemente e dilaga nel mondo.

Se vuoi conoscere nel dettaglio, scrivi ad [email protected]