Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Campagna di Phishing ai danni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  TelegraMalware : Scoperti Oltre 1000 Bot per Intercettare Codici SMS e Notifiche  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Gli EDR/AV vanno Offline con Killer Ultra! Il malware degli operatori ransomware di Qilin  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Esce Dark Mirror. Il Primo Report di Dark Lab sul Fenomeno Ransomware relativo ad H1 2024  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Massiccia Violazione dei Dati Disney: 1,1 TiB di Informazioni Compromesse  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Hai bisogno di una identità falsa? I Truffatori Professionisti usano Fotodropy Store!  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Muri Digitali: Kaspersy Lab Chiude gli Uffici negli Stati Uniti D’America!  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  The Hackers Choice (THC): 30 anni di hacking senza voler diventare ricchi! L’intervista a VH e Skyper  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  La Psicologia dietro gli Attacchi Informatici! il ruolo fondamentale delle emozioni dalle quali difenderci  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Rockstar Games possibile vittima di un Enorme Data Leak!  ///  
Crowdstrike

Addio influenza e controllo. La Cina in 3 anni eliminerà i chip stranieri dai sistemi di telecomunicazione

Redazione RHC : 15 Aprile 2024 17:38

La settimana scorsa, le autorità cinesi hanno ordinato ai tre maggiori colossi delle telecomunicazioni del Paese – China Telecom, China Mobile e China Unicom – di eliminare completamente i semiconduttori statunitensi dalle loro apparecchiature nei prossimi tre anni. Gli operatori dovranno fornire progetti per la graduale sostituzione di questi chip con analoghi nazionali.

Questa decisione, presa dal Ministero cinese dell’Industria e dell’Information Technology, non è di buon auspicio per Intel e AMD , poiché il mercato cinese rappresentava rispettivamente il 27% e il 15% dei ricavi delle società nel 2023.

Questo ordine è stata la risposta della Cina alla decisione della Federal Communications Commission statunitense di cinque anni fa. Questo quando l’organizzazione ha vietato l’uso dei prodotti Huawei e ZTE nelle reti di telecomunicazioni americane. La ragione di ciò era il timore che queste apparecchiature potessero contenere backdoor per lo spionaggio, perché secondo le leggi cinesi, le aziende locali sono obbligate a trasferire qualsiasi informazione alle autorità. Tuttavia, Huawei ha più volte dichiarato che non permetterà mai che i suoi prodotti vengano utilizzati per tali scopi e rispetta rigorosamente le leggi dei paesi in cui opera.

Tuttavia, non è ancora chiaro se verrà fornito sostegno finanziario agli operatori di telecomunicazioni cinesi per compensare i costi di sostituzione dei chip stranieri con quelli nazionali.

Come ha dimostrato l’esperienza americana con l’abbandono delle apparecchiature Huawei, questo processo può essere molto costoso. Sebbene la Federal Communications Commission abbia stanziato 1,9 miliardi di dollari ai produttori, le aziende hanno richiesto oltre 5,6 miliardi di dollari in più.

La scadenza del 2027 per completare la transizione ai chip cinesi è solo un passo negli sforzi in corso da parte della Cina per ridurre la propria dipendenza dalla tecnologia americana. Alla fine dell’anno scorso, Pechino ha anche pubblicato un elenco di 18 processori approvati per l’uso nel paese. Questo elenco non includeva chip Intel e AMD, invece, c’erano chip cinesi compatibili con x86 sviluppati da Shanghai Zhaoxin basati su tecnologie della taiwanese VIA.

La Cina ha accelerato la sua mossa per sostituire la tecnologia occidentale con la propria a causa delle restrizioni statunitensi sull’accesso alla tecnologia avanzata dei processori di intelligenza artificiale e alle apparecchiature per la produzione di chip.

Nonostante le sfide, le aziende cinesi, tra cui Huawei e SMIC, hanno fatto progressi nella creazione di chip ad alte prestazioni. Questa settimana Huawei ha annunciato che costruirà un centro di ricerca e sviluppo vicino a Shanghai che svilupperà le proprie attrezzature per produrre componenti per comunicazioni wireless, apparecchiature di rete e smartphone.

Come spesso abbiamo riportato su queste pagine, l’effetto delle sanzioni statunitensi sta alimentando una corsa alla tecnologia proprietaria sia in Russia che in Cina, portando le due superpotenze ad una loro autonomia nel mondo tecnologico. La Cyber-politica e la sicurezza nazionale oggi è un elemento imprescindibile per ogni regione dello scacchiere geopolitico moderno e solo il tempo potrà fornirci una chiara indicazione se la politica statunitense basata sulle “sanzioni”, avviata ormai da anni porterà un vantaggio o uno svantaggio strategico.

Va da se che ad oggi, l'”autonomia tecnologica” e le “tecnologie domestiche” sono diventati un argomento di importante discussione a livello politico sia in Cina che in Russia, quando altri paesi non sanno neppure l’esistenza del concetto.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.