Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
Campagna di Phishing ai danni del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  TelegraMalware : Scoperti Oltre 1000 Bot per Intercettare Codici SMS e Notifiche  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Gli EDR/AV vanno Offline con Killer Ultra! Il malware degli operatori ransomware di Qilin  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Esce Dark Mirror. Il Primo Report di Dark Lab sul Fenomeno Ransomware relativo ad H1 2024  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Massiccia Violazione dei Dati Disney: 1,1 TiB di Informazioni Compromesse  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Hai bisogno di una identità falsa? I Truffatori Professionisti usano Fotodropy Store!  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Muri Digitali: Kaspersy Lab Chiude gli Uffici negli Stati Uniti D’America!  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  The Hackers Choice (THC): 30 anni di hacking senza voler diventare ricchi! L’intervista a VH e Skyper  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  La Psicologia dietro gli Attacchi Informatici! il ruolo fondamentale delle emozioni dalle quali difenderci  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Rockstar Games possibile vittima di un Enorme Data Leak!  ///  
Crowdstrike

Attacchi Mirati con TgRat: Il Trojan che Usa Telegram per infettare Linux

Redazione RHC : 7 Luglio 2024 09:18

Gli analisti Doctor Web hanno identificato la versione Linux del noto trojan TgRat, utilizzato per attacchi mirati. Una delle caratteristiche degne di nota di questo malware è che è controllato da un bot di Telegram.

TgRat, originariamente scritto per Windows, è stato scoperto nel 2022. Si trattava di un piccolo programma dannoso creato per dispositivi specifici da cui gli aggressori pianificavano di rubare informazioni riservate.

Poi i ricercatori hanno affermato che TgRat utilizza Telegram come server di controllo. Il server era un gruppo chiuso nel messenger e la comunicazione veniva effettuata utilizzando l’API di Telegram (libreria  github.com/wrwrabbit/telegram-bot-api-go).

Come riferisce ora Doctor Web, durante un’indagine sull’incidente è stata scoperta una versione di TgRat adattata per Linux, su richiesta di un’anonima società che fornisce servizi di hosting. L’antivirus dell’azienda ha rilevato un file sospetto sul server di uno dei client e questo file si è rivelato essere un trojan dropper che decomprimeva TgRat ( Linux.BackDoor.TgRat.2 ) nel sistema di destinazione.

La nuova versione del malware è stata creata anche per attaccare macchine specifiche: quando viene lanciato, controlla l’hash del nome della macchina con una stringa incorporata nel corpo del trojan. Se i valori non corrispondono, TgRat termina il suo processo. Se lanciato con successo, il trojan si connette alla rete e implementa uno schema di interazione con il suo server di controllo, che è un bot di Telegram.

Il trojan viene controllato tramite un gruppo chiuso nel messenger a cui è collegato il bot di Telegram. Utilizzando Messenger, gli aggressori possono impartire comandi al malware: ad esempio scaricare file da un sistema compromesso, acquisire uno screenshot, eseguire un comando in remoto o scaricare un file utilizzando gli allegati.

A differenza della versione Windows, il codice di questo trojan è stato crittografato tramite RSA e per l’esecuzione dei comandi è stato utilizzato l’interprete bash, il che ha reso possibile l’esecuzione di interi script all’interno di un unico messaggio.

Ogni istanza del Trojan ha il proprio identificatore, quindi gli aggressori potrebbero inviare comandi a diversi bot collegandoli tutti a un’unica chat.

I ricercatori sottolineano che un simile attacco può essere rilevato mediante un’attenta analisi del traffico di rete. Dopotutto, lo scambio di dati con i server Telegram è tipico per i computer degli utenti, ma non per i server sulla rete locale.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.