Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

BianLian: il nuovo ransomware scritto in GO offre infinite possibilità di attacco

Secondo un rapporto della società di sicurezza informatica Redacted, gli operatori del nuovo ransomware multipiattaforma BianLian hanno ampliato la propria infrastruttura di comando e controllo (C&C) e aumentato la velocità di attacco ad agosto. 

BianLian, è un ransomware scritto in Go ed è stato scoperto per la prima volta a giugno del 2022 e ha già attaccato 15 organizzazioni.

L’accesso iniziale alle reti delle vittime viene ottenuto sfruttando le vulnerabilità di ProxyShell in Microsoft Exchange Server, utilizzandolo per ripristinare la shell Web o il payload ngrok per le azioni successive. BianLian punta inoltre allo sfruttamento dei dispositivi SonicWall VPN.

BianLian rimane online fino a 6 settimane dall’accesso iniziale.

Advertisements
Home page del data leak site (DLS) di BianLian

Oltre a utilizzare i metodi di attacco LotL (Living off the Land) per la profilazione della rete e il movimento laterale, il gruppo utilizza anche una backdoor speciale per mantenere un accesso costante alla rete. La backdoor consente la consegna di payload arbitrari da un server remoto, il caricamento in memoria e l’esecuzione.

BianLian può avviare i server in modalità provvisoria di Windows per eseguire il suo malware e non essere rilevato dal sistema di sicurezza del sistema operativo.

Secondo Cyble, gli hacker di BianLian prendono di mira le aziende nelle seguenti aree:

  • media (25%);
  • settore bancario e finanziario (12,5%);
  • energia (12,5%);
  • produzione (12,5%);
  • istruzione (12,5%);
  • assistenza sanitaria (12,5%);
  • servizi professionali (12,5%).

La maggior parte delle aziende ha sede in Nord America, Regno Unito e Australia.

Advertisements

BianLian è un altro ransomware sviluppato nel linguaggio Go, che consente agli aggressori di apportare rapidamente modifiche a una singola base di codice che può quindi essere compilata su più piattaforme.

Secondo i ricercatori, gli operatori BianLian conoscono bene la metodologia Living off the Land per effettuare movimenti laterali, adeguando le proprie operazioni in base alle capacità e ai mezzi di protezione della rete.