Cloudflare mitiva un attacco DDoS da 17.2M rps.


All'inizio di questa estate, i sistemi di protezione DDoS edge autonomi di Cloudflare hanno rilevato e mitigato automaticamente un attacco DDoS da 17,2 milioni di richieste al secondo (rps), un attacco quasi tre volte più grande di qualsiasi precedente di cui si è a conoscenza.



Per vedere quanto grande fosse questo attacco: Cloudflare serve in media oltre 25 milioni di richieste HTTP al secondo. Questo si riferisce al tasso medio di traffico legittimo nel secondo trimestre del 2021.


Quindi, con un picco di 17,2 milioni di richieste al secondo, questo attacco ha raggiunto il 68% del tasso medio di richieste al secondo del traffico HTTP legittimo.



Questo attacco è stato lanciato da una potente botnet, che ha preso di mira un cliente Cloudflare del settore finanziario. In pochi secondi, la botnet ha bombardato l'edge di Cloudflare con oltre 330 milioni di richieste di attacco.


Il traffico di attacco ha avuto origine da oltre 20.000 bot in 125 paesi in tutto il mondo.


Sulla base degli indirizzi IP di origine dei bot, quasi il 15% dell'attacco ha avuto origine dall'Indonesia e un altro 17% da India e Brasile messi insieme. Indicando che potrebbero esserci molti dispositivi infetti da malware in quei paesi.



Questo nuovo attacco da 17,2 milioni di rps