Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Continuano gli attacchi informatici ai terminal petroliferi. Colpite la SAE-invest e la Evos.

I terminal petroliferi europei continuano a subire attacchi informatici. In precedenza, avevamo riferito di attacchi alle compagnie petrolifere tedesche Oiltanking e Mabanaft e ai terminal del centro commerciale petrolifero europeo Amsterdam-Rotterdam-Anversa.

Advertisements

Ora la società belga SEA-Invest e l’olandese Evos hanno segnalato attacchi informatici ai loro sistemi. Gli incidenti hanno interrotto le operazioni delle società nei porti europei e africani.

Advertisements

Secondo gli esperti di sicurezza informatica, non è stata ancora trovata alcuna prova che gli attacchi informatici siano stati coordinati.

Secondo Evos, l’impatto dell’incidente è limitato ai porti di Terneuzen, Gand e Malta. Gli attacchi a SEA-Invest ed Evos potrebbero avere un impatto maggiore sulle forniture di carburante rispetto agli attacchi alle compagnie petrolifere tedesche di gennaio. Nel caso di Oiltanking e Mabanaft, il carburante è stato ottenuto da fonti alternative e il problema non si è diffuso al di fuori del Paese.

Secondo NL Times, Evos ha attualmente difficoltà a caricare e scaricare petrolio, ma tutti i porti della compagnia nei Paesi Bassi rimangono aperti.

Advertisements

Anche il più grande porto mercantile d’Europa, Riverlake, a Rotterdam, nei Paesi Bassi, ha riferito di un incidente che ha impedito lo scarico di alcune chiatte petrolifere.

L’impatto complessivo degli attacchi informatici è quello di rallentare la fornitura di petrolio ai punti vendita al dettaglio a causa delle difficoltà di riempimento delle navi cisterna. Per quanto tempo durerà non è ancora noto, poiché ci sono ancora pochissime informazioni pubblicamente disponibili su tutti gli attacchi informatici a questo delicato comparto, compresi i precedenti incidenti in Germania.

In precedenza è stato riferito che le compagnie petrolifere tedesche potrebbero diventare vittime del gruppo di cyber-estorsione Black Cat, che è presumibilmente la “reincarnazione” del sensazionale BlackMatter/DarkSide. Tuttavia, non è noto se questo ransomware sia stato utilizzato negli attacchi ai terminal petroliferi in Belgio e nei Paesi Bassi.

Advertisements

La natura simultanea degli attacchi informatici sullo sfondo dell’attuale situazione geopolitica suggerisce una campagna maligna coordinata.

Tuttavia, gli esperti di sicurezza stanno esortando il pubblico a non correre a conclusioni affrettate fino a quando non emergeranno altri fatti. È possibile che gli attacchi siano stati effettuati utilizzando e-mail di phishing inviate da bot a rappresentanti dell’industria petrolifera europea o siano stati il ​​risultato di un hack in alcuni software utilizzati da tutte le società interessate.