Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Francia: arrestato un 22enne che vendeva il codice ransomware ad altri criminali informatici

In Francia, è stato arrestato un uomo di 22 anni – uno studente di ingegneria – sospettato di aver effettuato l’hacking di 150 piccole e medie imprese, secondo la rivista Europa 1.

Lo studente avrebbe fornito codice malevolo di tipo ransomware da gennaio 2019. In altre parole, non è stato lui a distribuire il malware sui sistemi informativi delle vittime.

Si tratta di un’inchiesta aperta lo scorso aprile per “estorsione organizzata di gruppo” e “associazione a delinquere”. Il ragazzo era già noto alla polizia per fatti simili.

Si tratta di ben 150 PMI, francesi e non solo. Le aziende sarebbero state vittime di attacchi ransomware, partendo dal codice dell’imputato. Secondo i media, veniva pagato “tra i 1000 ei 1500 euro a settimana di lavoro”.

Advertisements

La vittime erano normalmente siti della pubblica amministrazione, considerati particolarmente vulnerabili perché al loro interno non c’è un gran numero di persone preoccupate per l’igiene IT.

Secondo un sondaggio condotto dalla Commissione Europea, sono il 20% le aziende che hanno subito un cyber incidente nell’anno 2021 in Francia.