Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli APT iraniani attaccano le società energetiche attraverso una nuova backdoor

Il gruppo iraniano APT Lyceum si è armato di una nuova backdoor DNS .NET e ora sta attaccando le società energetiche e di telecomunicazioni.

Lyceum è un gruppo di hacker finanziato dal governo, noto anche come Hexane e Spilrin, specializzato in spionaggio informatico. Attaccava i vettori in Medio Oriente con backdoor di tunneling DNS.

Advertisements

Tuttavia, Zscaler ha scoperto che il gruppo ha ora iniziato a utilizzare una nuova backdoor DNS basata sullo strumento open source DIG.net per il dirottamento DNS, l’esecuzione di comandi, il caricamento del payload aggiuntivo e il furto di dati.

Il dirottamento DNS è un attacco informatico in cui un utente malintenzionato manipola le query DNS per reindirizzare un utente che tenta di accedere a un sito legittimo o al suo “clone” dannoso ospitato su un server controllato dall’attaccante. Qualsiasi informazione che l’utente immette sulla risorsa falsa (come le credenziali) andrà direttamente all’attaccante.

Advertisements

L’attacco inizia con la vittima che scarica un documento Word con macro dannose da un sito che gli hacker fingono di essere una vera risorsa di notizie. Il documento è camuffato da notiziario relativo all’esercito iraniano.

Se una vittima attiva le macro nel proprio Microsoft Office per visualizzare un documento, una backdoor DNS verrà scaricata direttamente nella cartella di avvio, consentendo agli hacker di essere presenti sul sistema, indipendentemente dal riavvio.

La backdoor utilizza il nome del file DnsSystem.exe ed è una versione personalizzata di DIG.net, personalizzata dagli hacker per soddisfare le loro esigenze.

Backdoor DnsSystem scaricata sul sistema locale (fonte zscalar)

Il malware configura un server di intercettazione DNS acquisendo l’indirizzo IP del dominio cyberclub[.]one e genera un MD5 basato sul nome utente, che funge da identificatore univoco della vittima.

Advertisements

Intercettando il DNS, la backdoor può ricevere comandi dal server C&C da eseguire sulla macchina compromessa. La risposta viene fornita come record TXT.

I comandi vengono eseguiti con lo strumento cmd.exe e i dati in uscita vengono rispediti al server C&C come record DNS A. Inoltre, la backdoor può rubare file locali e inviarli al server C&C o scaricare file da un server remoto per scaricare file aggiuntivi.

Inizializzare il server DNS controllato dall’attaccante (fonte zscalar)