Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Gli hacker nordcoreani evolvono i loro attacchi con sofisticati modelli di intrusione

Secondo un nuovo rapporto di Kaspersky Lab, il gruppo APT nordcoreano Kimsuky sta conducendo una campagna contro le organizzazioni politiche e diplomatiche sudcoreane, nonché verso i professori universitari sudcoreani, ricercatori di think tank e funzionari del governo.

Il gruppo ha generato catene di infezione attraverso malware Windows progettato per raccogliere file, sequenze di tasti e rubare le credenziali di accesso del browser web.

Nella campagna rilevata, il gruppo utilizza messaggi di phishing contenenti un documento Word con macro che presumibilmente contengono contenuti relativi a questioni geopolitiche nella regione.

Il gruppo sfrutta i file HTML-Application (HTA) e Compiled HTML Help (CHM) come esca per compromettere il sistema.

Advertisements

Indipendentemente dal metodo utilizzato, dopo l’accesso iniziale, uno script di Visual Basic viene iniettato da un server remoto per rilevare le impronte digitali della macchina della vittima ed estrarre payload aggiuntivi, incluso un file eseguibile per l’estrazione di informazioni riservate.

La campagna contiene anche un nuovo metodo di attacco. Se il destinatario fa clic sul collegamento nell’e-mail per scaricare documenti aggiuntivi, il suo indirizzo e-mail viene inviato al server di comando e controllo (C&C). Se la richiesta non contiene l’indirizzo e-mail previsto, la vittima apre un documento legittimo non infetto per il download.

Per complicare ulteriormente la catena dell’infezione, il primo server C&C reindirizza l’indirizzo IP della vittima a un altro server, che quindi lo confronta con la richiesta in arrivo generata dopo che la vittima ha aperto il documento esca. 

La “verifica della vittima” sui due server C&C garantisce che VBScript venga consegnato solo dopo aver verificato con successo l’indirizzo IP compromesso.

Advertisements

Secondo Kaspersky Lab, il gruppo Kimsuky evolve costantemente i propri modelli di infezione da malware e introduce nuovi metodi per rendere l’analisi più difficile. La principale difficoltà nel tracciare questo gruppo è che è difficile determinare l’intera catena di infezione.