Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

I NAS QNAP sono vulnerabili a Dirty Pipe, lo afferma l’azienda

L’azienda taiwanese Qnap avverte gli utenti che il problema di Dirty Pipe recentemente scoperta in Linux , che consente agli aggressori di ottenere i privilegi di root, colpisce la maggior parte dei NAS dell’azienda.

L’exploit Dirty Pipe (CVE-2022-0847;  punteggio CVSS 7,8) è diventato noto all’inizio di marzo 2022. 

La vulnerabilità è apparsa nel codice del kernel Linux nella versione 5.8 (anche su dispositivi con Android) è stata risolta solo di recente nelle versioni 5.16.11, 5.15.25 e 5.10.102.

Secondo l’esperto Max Kellermann, che ha scoperto il bug, la vulnerabilità è quasi simile a un altro exploit molto conosciuto, ovvero Dirty COW  (CVE-2016-5195), che è stato corretto nel 2016. 

Advertisements

In sostanza, Dirty Pipe consente a un utente locale senza privilegi di incorporare e sovrascrivere i dati in file di sola lettura, inclusi i processi SUID in esecuzione come root.

Peggio ancora, all’inizio di questo mese è stato pubblicato un exploit PoC per la vulnerabilità che consente agli utenti locali di iniettare i propri dati in file sensibili di sola lettura rimuovendo le restrizioni o modificando la configurazione in modo tale da fornire loro un accesso più ampio di quanto dovrebbero.

Sebbene le patch siano già disponibili, Qnap scrive che i suoi clienti dovranno attendere le correzioni.

“Al momento non sono disponibili mitigazioni per questa vulnerabilità. Incoraggiamo gli utenti a controllare e installare gli aggiornamenti di sicurezza non appena diventano disponibili”

si legge nel bollettino ufficiale sulla sicurezza del produttore, che consiglia ai clienti di bloccare temporaneamente qualsiasi tentativo di accesso al NAS.

Advertisements

Allo stesso tempo, la vulnerabilità rappresenta una minaccia per un’ampia gamma di dispositivi, inclusi i dispositivi con QTS 5.0.x e QuTS hero h5.0.x integrati, tra cui:

  • QTS 5.0.x su tutti i NAS basati su QNAP x86 e alcuni NAS basati su QNAP ARM;
  • QuTS hero h5.0.x su tutti i NAS basati su QNAP x86 e alcuni NAS basati su QNAP ARM.

L’elenco completo dei modelli vulnerabili può essere visualizzato qui, nella colonna “Kernel Version 5.10.60”. 

Allo stesso tempo, Qnap sottolinea che i dispositivi che eseguono QTS 4.x non sono interessati da questo nuovo problema.