Il ransomware Linux ELF64, che colpisce VMware ESXi sta arrivando.


Un ricercatore di sicurezza informatica presso MalwareHunterTeam ha scoperto il ransomware Linux ELF64 del gruppo ransomware BlackMatter, progettato specificamente per attaccare i server VMware ESXi.



Poiché l'hypervisor autonomo VMware ESXi è la piattaforma di macchine virtuali più popolare, quasi tutte le cyber-gang hanno iniziato a rilasciare ransomware appositamente progettati per questi dispositivi, installati normalmente su host Linux.


Dopo un attacco informatico di alto profilo alla Colonial Pipeline, il più grande operatore di gasdotti degli Stati Uniti, che ha portato a una carenza di benzina lungo l'intera costa sud-orientale del Paese, le forze dell'ordine di tutto il mondo, e soprattutto quelle americane, hanno iniziato un vera caccia a DarkSide.



Nel maggio di quest'anno, il gruppo ha improvvisamente perso l'accesso ai suoi server e risorse di criptovaluta, che sono stati sequestrati da sconosciuti, ed è stato costretto ad annunciare la cessazione delle sue operazioni. Come si è saputo in seguito, l'FBI è riuscita a sottrarre 63,7 bitcoin da DarkSide ai 75 pagati dalla Colonial Pipeline agli estorsori per il recupero dei file.


Poco dopo, un nuovo gruppo chiamato BlackMatter è entrato nell'arena del cyber ransomware, annunciando sui forum degli hacker che era pronto a pagare fino a 100.000 dollari per l'accesso alle reti aziendali di grandi organizzazioni. Allo stesso tempo, è interessata solo alle società con un reddito annuo di 100 milioni di dollari o più.