Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

L’FBI ha trattenuto la chiave di decrittazione di Kaseya per 3 settimane.

Perché l’FBI ha nascosto la chiave per decifrare il software ransomware REvil dalle aziende colpite a seguito dell’attacco a Kaseya per tre settimane?


Martedì, durante un’audizione al Senato, al direttore dell’FBI Christopher Ray sono state poste domande scomode sull’astensione dell’FBI dall’aiutare a sbloccare i computer di centinaia di aziende e istituzioni colpite da un massiccio attacco ransomware distribuito di Kaseya quest’estate, per quasi tre settimane.

Secondo diversi funzionari statunitensi attuali ed ex (fonti non specificate), l’FBI ha ottenuto segretamente la chiave, ma ha trattenuto questo fatto.

L’attacco a Kaseya ha colpito circa 50 clienti dei fornitori di servizi gestiti dell’azienda e circa 1.500 clienti MSP.

Advertisements

Le aziende colpite hanno speso milioni di dollari per recuperare i propri dati dopo l’attacco, anche se ciò avrebbe potuto essere evitato poiché la chiave era in mano dell’agenzia governativa, ma non è stata intrapresa alcuna azione di distribuzione della stessa e quindi di decrittazione. Tuttavia, secondo Mr. Ray, ciò è dovuto ai seguenti motivi:

“Prendiamo decisioni come gruppo, non unilateralmente. Si tratta di decisioni complesse… mirate a ottenere il massimo effetto, e questo richiede tempo nella lotta contro gli avversari, dove dobbiamo mobilitare risorse non solo in tutto il paese, ma in tutto il mondo”.

Il direttore dell’FBI ha rifiutato di rivelare ciò che altre agenzie governative sapevano della chiave finché l’indagine non sarà terminata.