Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

La guerra non è breve e la tecnologia americana torna silenziosamente in Russia

Dopo che abbiamo visto Microsoft ritornare nel segmento russo qualche settimana fa, ora è il turno di Intel che ha restituito l’accesso alla sezione driver sul proprio sito Web, chiuso da febbraio 2022.

La pagina con i driver è disponibile per gli indirizzi IP provenienti dalla federazione russa.

Qua è possibile accedere alla sezione completando delle query nel motore di ricerca: il principale sito russo è ancora chiuso al pubblico.

Il software Intel è disponibile anche per il download. 

Ad esempio, puoi scaricare Intel Driver & Support Assistant per aggiornare automaticamente i driver sul tuo computer. È interessante notare che la stessa Intel non ha confermato ufficialmente il suo ritorno in Russia.

A febbraio, Intel e AMD hanno annunciato verbalmente ai produttori russi che stavano sospendendo temporaneamente la fornitura dei loro prodotti in Russia. 

Inoltre, l’ufficio cinese di Intel ha notificato ai partner l’introduzione di un divieto di fornitura di processori alla Russia. Tuttavia, i processori Intel vengono venduti in tutte le principali reti in Russia tramite importazioni parallele.