Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

La Russia pubblica gli IP che fanno DDoS verso le sue infrastrutture. Presente l’FBI e la CIA.

Con l’escalation degli attacchi informatici, il governo russo ha pubblicato un elenco di 17.576 indirizzi IP e 166 domini che secondo l’NCCCI sono alla base di una serie di attacchi DDoS (Distributed Denial of Service) che prendono di mira l’infrastruttura interna.

L’elenco include diversi domini noti come il Federal Bureau of Investigation (FBI) degli Stati Uniti, la Central Intelligence Agency (CIA) e i siti Web di diverse pubblicazioni dei media come USA Today, 24News.ge, megatv.ge e la rivista ucraina Corrispondente.

Nell’ambito delle sue raccomandazioni per contrastare gli attacchi DDoS, l’agenzia esorta le organizzazioni a:

  • Effettuare un inventario di tutti i dispositivi di rete e dei servizi in esecuzione nella tua organizzazione, nonché delle regole del firewall che forniscono l’accesso ad essi. Limitare l’accesso esterno a tutti i servizi e dispositivi presenti nell’ITS, ad eccezione di quelli strettamente necessari;
  • Assicurati che i log dei messaggi di sicurezza del sistema e del funzionamento dei sistemi operativi, nonché gli eventi di accesso ai vari servizi dell’organizzazione (siti web, server di posta, server DNS, ecc.) siano completi e corretti. In futuro, questo può semplificare il processo di risposta a possibili incidenti informatici. Assicurati che i log siano raccolti nel volume richiesto;
  • Usa i server DNS russi. Utilizza i server DNS aziendali e/o i server DNS del tuo operatore per impedire il reindirizzamento degli utenti della tua organizzazione a risorse dannose o altre attività dannose. Se la zona DNS della tua organizzazione è servita da un operatore di telecomunicazioni straniera, trasferiscila nello spazio informazioni della Federazione Russa;
  • Esegui una modifica non programmata delle password per l’accesso agli elementi chiave dell’infrastruttura;
  • Utilizza password complesse e univoche per accedere ai servizi aziendali e alle workstation dei dipendenti;
  • Assicurati che gli accessi e le password predefiniti non vengano utilizzati da nessuna parte e, se ne vengono trovati, cambiali immediatamente;
  • Verifica il corretto funzionamento e le corrette impostazioni degli strumenti di protezione delle informazioni utilizzati nella tua organizzazione;
  • Aggiorna regolarmente i database di protezione antivirus;
  • Controlla gli allegati e-mail nei sistemi di analisi dei file dinamici;
  • Disattiva gli aggiornamenti software automatici. Installa gli aggiornamenti necessari dopo aver analizzato le minacce di sfruttamento delle vulnerabilità;
  • Disabilita i plug-in esterni e gli elementi plug-in della pagina Web, limita il funzionamento degli script per la raccolta di statistiche sulle risorse informative;
  • Usa il backup dei dati per essere in grado di recuperare informazioni digitali significative elaborate nella tua organizzazione. Assicurati di avere backup aggiornati;
  • Monitora lo stato del certificato SSL. Quando utilizzi un certificato SSL emesso da un’autorità di certificazione straniera, assicurati che la connessione alla tua risorsa di informazioni rimanga attendibile e che il certificato SSL utilizzato non sia stato revocato. Se il certificato SSL viene revocato, preparare un certificato SSL autofirmato. Distribuisci i tuoi certificati a coloro che utilizzano i tuoi servizi (clienti, partner, ecc.);
  • Usa i servizi per proteggerti dagli attacchi DDoS;
  • Per proteggersi dagli attacchi DDoS sui firewall, limita il traffico di rete che contiene valori dal file referer_http_header.txt nel campo Referer dell’intestazione HTTP;
  • Per proteggersi dagli attacchi DDoS, limita il traffico di rete dagli indirizzi IP elencati attraverso il file proxies.txt. Gli indirizzi IP in esso specificati appartengono a server proxy utilizzati negli attacchi DDoS;
  • Utilizza strumenti di amministrazione remota che non funzionano tramite risorse informative estranee;
  • Utilizza i prodotti per lo scambio di dati sicuro utilizzando la tecnologia VPN;
  • Conduci sessioni di formazione verso i dipendenti sulla sicurezza delle informazioni, sul contrasto ai metodi di ingegneria sociale e sui principi del lavoro a distanza;
  • Insegna ai dipendenti a non soccombere alla minaccia dei truffatori che chiedono un riscatto per il recupero dei dati. Invia informazioni su tali incidenti informatici all’NCCC per ulteriori risposte.

L’Ucraina, che è riuscita a mettere insieme un “esercito informatico” volontario di hacker civili da tutto il mondo, ha proposto una nuova serie di obiettivi che include la rete ferroviaria bielorussa, il sistema di navigazione satellitare globale russo GLONASS e operatori di telecomunicazioni come MTS e Beeline.

Advertisements

“Gli hacker solitari e i gruppi organizzati con le competenze informatiche necessarie possono attaccare direttamente il nemico dl loro paese o reclutare altri per partecipare a un attacco coordinato”

hanno affermato i ricercatori di Trustwave SpiderLabs.

“Queste azioni, combinate con l’uso di malware specifico, potrebbero essere una tattica comune per minare le capacità difensive, le infrastrutture critiche o i canali di comunicazione di un Paese ” .

Advertisements