Pavel Durov ha cancellato la sua pagina Facebook.


Durov non ha commentato la cancellazione dal social network, ma lo ha fatto. Tuttavia, rimane ancora attivo il suo account su Instagram di proprietà di Facebook.


Negli ultimi periodi ci sono state diverse scorribande tra WhatsApp e Telegram, come abbiamo visto nel corso di questa settimana con una serie di messaggi tra gli account twitter delle due grandi aziende

Il fondatore di Telegram ha ripetutamente criticato Facebook, anche per problemi legati alla sua sicurezza. Secondo Durov, WhatsApp, di proprietà dell'azienda, non protegge i messaggi degli utenti in modo adeguato e tiene traccia delle loro foto e dei messaggi. Secondo Durov, il problema risiede nelle politiche implementate da Facebook, proprietaria di WhatsApp.



All'inizio di gennaio, WhatsApp ha aggiornato le proprie politiche di sicurezza per includere una clausola di trasferimento dei dati personali a Facebook, ovviamente per migliorare la capacità di Advertising.


Successivamente, il messenger ha posticipato l'implementazione di questo aggiornamento, poiché ha causato una risonanza tra gli utenti. Infatti il numero di utenti del messenger di Telegram è aumentato sensibilmente, nella prima settimana di gennaio a causa di queste decisioni di Facebook facendo arrivare Telegram a 500 milioni di utenti.