Sangue di pazienti guariti dal covid, venduti nelle #darknet.


Il mercato "parassitario" dei crimini informatici, ha avuto una forte impennata dall'inizio della pandemia da #coronavirus, mettendo in moto tutto l'ecosistema del #cybercrime.


I gruppi APT/National State stanno rubando proprietà intellettuale nella ricerca di informazioni sui vaccini (di recente UK ha accusato la Russia di spionaggio). I #BlackHat da #profitto, attraverso il #phishing, #malware, #fakesite (ieri abbiamo visto la frode colossale ai danni della germania), stanno minando nel profondo la #cyberigene e, - ciliegine sulla torta - l'esplosione del mercato nero nelle #darknet.


Infatti, oltre alla rivendita di mascherine, e di #DPI base, stanno da qualche tempo vendendo fiale di #sangue e #plasma di pazienti guariti (forse) dal coronavirus a scopo di ricerca e come vaccino.


Le orribili scoperte fanno parte di un'indagine della National University australiana commissionata dall'Austalian Institute of Criminology.


Hanno riportato che il sangue sarebbe stato offerto come un tipo di "#vaccinazione passiva", in cui qualcuno (che crede di essere a rischio di infezione) riceve anticorpi per il virus iniettando il plasma.


#redhotcyber #cybersecurity


https://7news.com.au/lifestyle/health-wellbeing/investigation-uncovers-gruesome-coronavirus-offerings-on-the-dark-web--c-1007685

2 visualizzazioni

Iscriviti al canale Youtube

unnamed.png

Red Hot Cyber: conosci il rischio per starne lontano

Per richieste di supporto scrivi a: redhotcyber@hotmail.com

  • YouTube Icona sociale
  • Facebook Icona sociale
  • Twitter Icon sociale
  • LinkedIn Icona sociale
  • Instagram Icona sociale
  • Tumblr Icona sociale
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now