Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Sangue di pazienti guariti dal covid, venduti nelle #darknet.

Il mercato “parassitario” dei crimini informatici, ha avuto una forte impennata dall’inizio della pandemia da #coronavirus, mettendo in moto tutto l’ecosistema del #cybercrime.

I gruppi APT/National State stanno rubando proprietà intellettuale nella ricerca di informazioni sui vaccini (di recente UK ha accusato la Russia di spionaggio). I #BlackHat da #profitto, attraverso il #phishing, #malware, #fakesite (ieri abbiamo visto la frode colossale ai danni della germania), stanno minando nel profondo la #cyberigene e, – ciliegine sulla torta – l’esplosione del mercato nero nelle #darknet.

Infatti, oltre alla rivendita di mascherine, e di #DPI base, stanno da qualche tempo vendendo fiale di #sangue e #plasma di pazienti guariti (forse) dal coronavirus a scopo di ricerca e come vaccino.

Le orribili scoperte fanno parte di un’indagine della National University australiana commissionata dall’Austalian Institute of Criminology.

Advertisements

Hanno riportato che il sangue sarebbe stato offerto come un tipo di “#vaccinazione passiva”, in cui qualcuno (che crede di essere a rischio di infezione) riceve anticorpi per il virus iniettando il plasma.

#redhotcyber #cybersecurity

https://7news.com.au/lifestyle/health-wellbeing/investigation-uncovers-gruesome-coronavirus-offerings-on-the-dark-web–c-1007685

Advertisements