Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Tre marche di Auto violate in un mese e dati degli italiani nelle underground. Sono solo coincidenze?

Redazione RHC : 13 Aprile 2023 08:50

A metà febbraio, un ampio database di credenziali di Salesforce Marketing Cloud, un fornitore di software e servizi di automazione del marketing digitale, è diventato disponibile per il download sul sito Web ufficiale di Toyota in Italia per qualche motivo sconosciuto. 

Utilizzando questi dati, gli aggressori hanno potuto ottenere l’accesso ai numeri di telefono e agli indirizzi e-mail dei clienti, nonché utilizzare il canale di comunicazione ufficiale dell’azienda per contattare i proprietari di auto.

“Questa fuga di notizie è significativa perché potrebbe essere stata utilizzata per lanciare sofisticate campagne di phishing in cui gli aggressori avrebbero accesso e controllo sui canali di comunicazione ufficiali di Toyota, il che aumenterebbe la probabilità che le vittime soccombano a un simile attacco”, hanno affermato i ricercatori di Cybernews, il primo a scoprire la falla .

L’altro giorno, Toyota ha dichiarato che la fuga di notizie non è stata provocata da un errore umano, ma da una deliberata violazione della sicurezza in uno degli uffici italiani dell’azienda. Secondo quanto riferito, la casa automobilistica giapponese ha messo in atto tutte le misure di sicurezza informatica necessarie per mitigare gli effetti della fuga di notizie e impedire che si ripeta in futuro. 

Tuttavia, la storia non finisce qui. All’inizio di marzo, gli stessi ricercatori hanno notato un database simile trafugato da sito italiano della casa automobilistica tedesca BMW.

E proprio ieri, la non meno popolare casa automobilistica sudcoreana Hyundai ha notificato ai propri clienti che gli aggressori hanno ottenuto l’accesso ai dati personali dei clienti a seguito della compromissione degli uffici dell’azienda in Italia, oltre che in Francia.

Come riportato, i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail, nonché gli indirizzi fisici dei clienti, erano disponibili pubblicamente.

“Sebbene non ci siano prove che i dati rilevanti siano stati utilizzati per scopi fraudolenti, per una questione di estrema cautela, ti consigliamo di prestare particolare attenzione e controllare eventuali tentativi di contatto tramite e-mail o SMS che sembrano provenire dalla nostra azienda.”, è stato riportato nella mail ufficiale inviata ai clienti Hyundai.

C’è una chiara tendenza: le violazioni della sicurezza in tutte e tre le case automobilistiche, Toyota, BMW e Hyundai, hanno colpito i clienti italiani. 

È possibile che qualche fornitore di terze parti sia coinvolto in tutto questo. In ogni caso non si tratta certo di una semplice coincidenza, quindi, mentre le aziende stanno attivamente indagando sull’accaduto, restiamo in attesa di nuove indiscrezioni.

RHC monitorerà l’evoluzione della vicenda in modo da pubblicare ulteriori news sul blog, qualora ci fossero novità sostanziali. Nel caso in cui le aziende volgiano fornire una dichiarazione a RHC, saremo lieti di pubblicarla con uno specifico articolo dando risalto alla questione.

Qualora ci siano persone informate sui fatti che volessero fornire informazioni in modo anonimo possono accedere utilizzare la mail crittografata del whistleblower.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.