Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Nasconde 50.000 bitcoin in una scatola di Pop Corn nel bagno. Rischia 20 anni

Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato la condanna del 32enne James Zhong, un criminale informatico che una decina di anni fa ha rubato 50.000 bitcoin (pari a 3,3 miliardi di dollari) dal famoso mercato darknet Silk Road

Gli agenti federali hanno perquisito la casa di Zhong sequestrando più di 50.000 bitcoin, conservati all’interno di un “single board computer” (un piccolo computer stile Raspberry PI) in una scatola dei popcorn riposti nell’armadietto del bagno nella sua casa a Gainesville, in Georgia.

Advertisements

Il mercato underground Silk Road è stato chiuso dalle autorità nel 2013. Fino a quel momento, la piattaforma offriva ai suoi utenti una varietà di beni e servizi illegali, che andavano da droghe e malware agli omicidi su commissione. 

Il capo di Silk Road, Ross Ulbricht, è stato arrestato e condannato nel 2015 a una doppia condanna all’ergastolo, che attualmente sta scontando negli Stati Uniti.

Advertisements

Secondo quanto riferito, Zhong si è dichiarato colpevole di riciclaggio di denaro e frode telematica. Il fatto è che nel settembre 2012 ha creato nove conti su Silk Road, sui quali ha effettuato depositi che vanno dai 200 ai 2000 bitcoin. 

Zhong ha quindi avviato oltre 140 transazioni per indurre il sistema di elaborazione dei prelievi di Silk Road a trasferire circa 50.000 bitcoin sui suoi conti.

“Ad esempio, il 19 settembre 2012, Zhong ha depositato 500 bitcoin nel portafoglio Silk Road”, affermano gli investigatori. “In meno di cinque secondi dopo aver effettuato il deposito iniziale, ha effettuato cinque prelievi di 500 bitcoin, ovvero entro un secondo, ottenendo un profitto netto di 2.000 bitcoin”.

Questo inganno ha fruttato a Zhong “circa 51.680.32473733 bitcoin”, e al momento della confisca dello scorso anno, questa criptovaluta era valutata a circa 3,6 miliardi di dollari (come già accennato in precedenza, il suo valore è ora di circa un miliardo). È interessante notare che un decennio fa questi bitcoin valevano solo 650.000 dollari.

Dopo l’attacco, Zhong ha spostato i fondi estratti su diversi portafogli, cercando di nascondere le loro tracce. Nel 2017, dopo un hard fork e la comparsa di Bitcoin Cash e Bitcoin SV, il criminale aveva tra le mani circa 50.000 Bitcoin Cash, che ha convertito in 3.500 bitcoin, portando l’importo totale a 53.500 bitcoin.

Advertisements

La polizia, in realtà, aveva recuperato la lattina di pop corn un anno (il 9 novembre 2021) ma i dettagli si sono stati diffusi solo ora. Il criminale informatico che si presenta come investitore ed esperto di Bitcoin, rischia 20 anni di carcere.

Durante la perquisizione, gli agenti hanno trovato 661.900 dollari in contanti, 25 monete Casascius (bitcoin fisici) con un valore approssimativo di 174 bitcoin, oltre a quattro lingotti d’argento da 1 oncia, tre lingotti d’oro da 1 oncia, quattro lingotti d’argento da 10 once e una moneta d’oro.

Tale bittino sequestrato dalle autorità rende questa confisca la seconda più grande della storia. 

Le forze dell’ordine hanno sequestrato di più solo a una coppia di New York, accusata di riciclaggio di fondi rubati nel 2016 dall’exchange di criptovalute Bitfinex. In quel caso si parlava di 3,6 miliardi di dollari .

Advertisements

In aggiunta a quanto sopra, Zhong ha perso tutte le proprietà, compresi gli investimenti in immobili e “ulteriori risorse digitali” non direttamente correlate ai procedimenti penali.

Il Ministero della Giustizia riferisce inoltre che Zhong ha consegnato volontariamente 825,4 bitcoin alle autorità nel marzo 2022 e altri 35,5 bitcoin nel maggio 2022.

Zhong sarà condannato il 22 febbraio 2023. Con le accuse attuali, rischia fino a 20 anni di carcere.