Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Un nuovo malware crea delle backdoor sugli hypervisor VMware ESXi

I ricercatori Mandiant hanno descritto in dettaglio una nuova tecnica utilizzata dai Black hacker per ottenere l’accesso amministrativo agli hypervisor VMware ESXi e accedere ai server vCenter, nonché alle macchine virtuali Windows e Linux, per eseguire le seguenti azioni:

  • Invio di comandi all’hypervisor che vengono reindirizzati alla macchina virtuale guest per l’esecuzione;
  • Trasferimento di file tra hypervisor ESXi e macchine guest in esecuzione;
  • Gestione del servizio di logging sull’hypervisor;
  • Eseguire comandi arbitrari e reindirizzali da una macchina guest a un’altra in esecuzione sullo stesso hypervisor.

La natura mirata ed evasiva di questo attacco porta gli esperti a ritenere che l’attacco sia stato effettuato a scopo di spionaggio informatico dal gruppo legato alla Cina UNC3886.

Advertisements

Nell’attacco indagato da Mandiant, gli aggressori hanno utilizzato vSphere Installation Bundles (VIB) dannosi per installare due backdoor su hypervisor ESXi tracciati come VIRTUALPITA e VIRTUALPIE.

Secondo gli esperti, il criminale informatico ha bisogno di privilegi a livello di amministratore per l’hypervisor ESXi in modo da poter distribuire malware. 

Advertisements

Vale la pena notare che attualmente non sono noti exploit utilizzati per ottenere l’accesso iniziale o distribuire file VIB dannosi.

I VIB sono raccolte di file progettati per gestire i sistemi virtuali. Possono essere utilizzati per creare attività di avvio, regole firewall personalizzate o distribuire file binari personalizzati dopo il riavvio della macchina ESXi. 

I VIB sono costituiti dai seguenti componenti:

  • File XML del descrittore (descrive il contenuto del VIB);
  • Payload VIB (archivio .vgz);
  • File di firma: una firma digitale utilizzata per verificare il livello di accettazione dei file VIB da parte dell’host.

Un file XML, che contiene collegamenti a:

Advertisements
  • Payload da installare;
  • Metadati VIB come il nome e la data di installazione;
  • File della firma VIB.

I ricercatori Mandiant hanno scoperto che gli aggressori possono modificare il parametro del livello di accettazione nel descrittore XML da “community” a “partner” per dare l’impressione che sia stato creato da un individuo fidato. 

Tuttavia, ESXi non consentendo ancora l’installazione del file vib, gli hacker devono utilizzare il flag “–force” per disabilitare il controllo del commit e sovrascrivere la cronologia. Ciò ha consentito l’installazione di file VIB dannosi.

I criminali informatici hanno utilizzato questa tecnica per installare le backdoor VIRTUALPITA e VIRTUALPIE su una macchina ESXi compromessa:

  • VIRTUALPITA è una backdoor passiva a 64 bit che crea un listener su un numero di porta hardcoded su un server VMware ESXi. Il malware supporta l’esecuzione di comandi arbitrari;
  • VIR TUALPIE è una backdoor Python che supporta l’esecuzione arbitraria di comandi, la capacità di trasferire file e la possibilità di creare una reverse shell.

I ricercatori hanno anche trovato un malware unico chiamato VirtualGate che include un dropper e un payload. 

Advertisements

Il codice dannoso è stato ospitato su hypervisor infetti.

I ricercatori di Mandiant ora si aspettano che altri criminali informatici utilizzino le informazioni del loro studio per creare opportunità simili.