Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Vint Cerf: zero-trust e 5 cose da sapere per sopravvivere sul web.

Agli occhi di Vinton Cerf, uno tra i padri fondatori di internet, il web ha sempre avuto il potenziale per essere una parte importante della vita delle persone. Ma anche lui, che ha trascorso più di 50 anni a lavorare su Internet, non avrebbe potuto prevedere alcuni dei grandi cambiamenti che hanno trasformato il web nella linfa vitale che scorre attorno alla società moderna.

“La sorpresa per me è stata la quantità di contenuti che le persone hanno inserito su Internet”

ha detto Cerf, ora chief internet evangelist di Google, in una conversazione con Fahmida Y Rashid, editore esecutivo di VentureBeat dello scorso anno.

“Per noi, era solo un’enorme quantità di informazioni, non per fare soldi, ma semplicemente per sapere che qualcosa che sapevi era utile a qualcun altro”.

Da allora è emerso un intero ecosistema, che espone difetti di sicurezza e vulnerabilità per violare qualsiasi azienda. L’avvento di un modello di lavoro ibrido, in cui parte della settimana lavorativa viene trascorsa in ufficio e parte avviene lavorando da casa, attraverso reti residenziali, ad oggi un problema per moltissime aziende.

Le macchine per il lavoro e Internet nelle case, potrebbe essere un incubo per la sicurezza, anche se i datori di lavoro utilizzano una rete privata virtuale (VPN), in quanto a detta di Cerf:

Advertisements
  • C’è una differenza tra proteggere gli utenti aziendali e gli utenti pubblici in generale. I team IT possono monitorare ciò che accade quando gli utenti si trovano sulle reti aziendali o utilizzano dispositivi forniti dall’azienda, ma ciò non è sempre possibile nel caso di un dispositivo personale o di una rete pubblica. Se le persone non utilizzano i dispositivi forniti dall’azienda per lavoro, i team IT lasciano i loro luoghi di lavoro vulnerabili agli exploit, anche quando richiedono una VPN per connettersi all’ecosistema aziendale.
    • Il solo fatto di essere nella rete aziendale non significa che tutto sia a posto. Anche le reti private virtuali non sono adeguate, perché ci sono troppi altri buchi relativi a vulnerabilità nell’ambiente residenziale. Assumi la fiducia zero: “Non fidarti di nessuna delle reti, indipendentemente da dove ti trovi, se sei nella rete aziendale, o sei a casa, o stai chiamando da qualche parte e da tutto il mondo” ha detto Cerf. “Partiamo dal presupposto che nulla ha alcuna sicurezza”.
      • L’autenticazione forte è essenziale e i team IT devono esserne consapevoli. L’autenticazione personale e i dispositivi di autenticazione “sono fondamentali per il corretto funzionamento di un sistema di sicurezza ibrido”, ha affermato Cerf.
        • L’educazione degli utenti rimane importante. I team IT devono educare gli utenti a essere più attenti nel rilevare cose potenzialmente pericolose che possono passare attraverso “percorsi legittimi”, come un collegamento in un’e-mail da un mittente con un nome errato. “Non credo che gli utenti debbano essere paranoici. Ma per lo stesso motivo per cui non cammini nel traffico senza guardare in entrambe le direzioni, nel caso in cui qualcun altro non stia prestando attenzione, devi essere premuroso nell’ambiente online per gli stessi motivi”, ha affermato Cerf
          • Infine, i team IT devono riconoscere che accadranno cose brutte ed essere pronti a gestirle. I buoni team di sicurezza registrano e controllano le informazioni per tracciare l’origine di una violazione. Dovrebbero anche essere consapevoli del potenziale malware e monitorare il traffico in entrata per ridurre al minimo i danni, ha affermato Cerf.
          • Le aziende devono acquistare una filosofia zero trust, e non fidarsi di nulla all’interno o all’esterno della loro rete.

            Anche gli utenti su Internet più esperti sono bersagli di truffe di phishing e richiedono un’istruzione costante per eludere gli attacchi da parte dei malintenzionati che li prendono di mira.