Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

Yanluowang: il nuovo ransomware che se non paghi avvia un attacco DDoS.

Mentre il volume degli attacchi ransomware sta aumentando del 288% (tra il primo e il secondo trimestre del 2021, secondo i dati più recenti del gruppo NCC), un nuovo ransomware sta emergendo nel panorama delle minacce informatiche, con gli operatori che non solo crittografano i dati delle vittime, ma minacciano le aziende di creare ulteriori danni qualora non rispettino le regole.

Il nuovo malware si chiamava Yanluowang e il team di Symantec Threat Hunter ha parlato dei suoi attacchi recentemente. Tra le minacce degli operatori del nuovo ransomware, c’è il ricatto di lanciare un attacco DDoS contro la vittima o molestare i dipendenti se l’organizzazione colpita non paga la cifra richiesta.

Secondo uno studio di Symantec Threat Hunter, le operazioni di Yanluowang sono arrivate all’attenzione degli esperti nell’ambito delle indagini su un attacco informatico a una grande azienda. Fortunatamente, l’attacco in sé non è stato coronato da successo, ma ha rivelato il ransomware agli specialisti.

Yanluowang copia una nota di richiesta di riscatto nel sistema della vittima, che contiene i contatti degli aggressori. L’organizzazione attaccata deve scrivere ai criminali informatici e discutere i termini del riscatto. Inoltre, gli operatori di ransomware avvertono in anticipo che i tentativi di contattare le forze dell’ordine porteranno alla perdita di dati.

Advertisements

Ma fino a qua non c’è nulla di trascendentale, rispetto ad altre cyber gang ransomware.

La novità è che se la vittima fa qualcosa di sbagliato o non paga il ransowmare, gli aggressori lanciano un attacco DDoS per mettere down tutti i suoi siti. Inoltre, i criminali minacciano anche di chiamare dipendenti e partner commerciali.

“È difficile dire se gli aggressori stanno bluffando o se si tratta di minacce reali. Tuttavia, tali metodi sono in linea con le tendenze attuali nel mondo della criminalità informatica organizzata, che sembra temere che la vittima si rivolga alle forze dell’ordine”

spiega Dick O’Brien di Symantec. Il metodo esatto di penetrazione di Yanluowang nella rete non è stato ancora analizzato con attenzione, ma i ricercatori hanno rilevato i suoi attacchi dopo aver notato l’uso sospetto del comando legittimo AdFind nello strumento Active Directory.