Red Hot Cyber
La cybersecurity è condivisione. Riconosci il rischio, combattilo, condividi le tue esperienze ed incentiva gli altri a fare meglio di te.
Cerca
200 Milioni di Utenti X/Twitter scaricabili Online per 8 crediti  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  2 giorni senza riscaldamento per colpa del malware FrostyGoop. E’ successo a Leopoli in Ucraina a Gennaio  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Hacktivisti a Sostegno delle Rivolte in Bangladesh: Escalation di Violenza e Cyber Attacchi  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Copybara, il malware che prende di mira il banking italiano  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  Microsoft rilascia un tool USB per risolvere il problema del BSOD di CrowdStrike su Windows 10 e 11  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  EvilVideo: L’Exploit Zero-Day Che Minaccia Telegram su Android  ///    scopri betti-rhc, il fumetto sul cybersecurity awareness    ///  Una Hot-fix malevola per CrowdStrike diffonde HijackLoader e RemCos  ///    Scropri i corsi di Red Hot Cyber    ///  Red Hot Cyber Completa con Successo il Secondo Corso di Darkweb & Cyber Threat Intelligence  ///    Iscriviti al nostro canale Whatsapp    ///  L’interruzione di CrowdStrike ha colpito meno dell’1% dei dispositivi Windows. Attenzione Alle Frodi!  ///    hai una start-up innovativa sulla cybersecurity? Candidati alla call!    ///  Incidente CrowdStrike: Riflessioni sulla Security di oggi e di Domani. “Non importa se si viene spiati, importa da chi”  ///  
Crowdstrike

Zergeca: La Botnet Che Minaccia Linux e Altri Sistemi Operativi con Attacchi DDoS e Funzionalità Avanzate

Redazione RHC : 24 Giugno 2024 15:27

I ricercatori del team di sicurezza XLab hanno recentemente scoperto una nuova botnet nel cyberspazio, Zergeca, che si distingue per le sue capacità avanzate e rappresenta una seria minaccia per milioni di dispositivi digitali. Zergeca è in grado non solo di sferrare attacchi DDoS, ma anche di svolgere molte altre funzioni dannose.

Il 20 maggio 2024, XLab ha rilevato un file ELF sospetto nella directory “/usr/bin/geomi” sulla piattaforma Linux di uno dei suoi clienti. Questo file, compresso utilizzando un UPX modificato, è rimasto a lungo inosservato dai programmi antivirus.

Dopo l’analisi i ricercatori hanno scoperto che si tratta di una botnet implementata a Golang. E dato che la sua infrastruttura C2 utilizzava la stringa “ootheca“, che ricorda gli zerg di StarCraft, gli specialisti di XLab hanno chiamato la botnet Zergeca, sottolineandone la diffusione aggressiva e rapida.

Zergeca supporta sei metodi di attacco DDoS, oltre a funzioni di proxying, scansione, aggiornamento automatico, persistenza, trasferimento di file, shell inversa e raccolta di informazioni sensibili.

Zergeca utilizza diversi metodi di risoluzione DNS, incluso DNS su HTTPS (DOH). Viene utilizzata anche la libreria Smux per il protocollo C2, che fornisce la crittografia utilizzando XOR. Ciò consente alla botnet di nascondere efficacemente le proprie attività e di renderle difficili da rilevare.

Dall’analisi è emerso che l’indirizzo IP 84.54.51.82, utilizzato per C2, serve due botnet Mirai da settembre 2023, il che testimonia l’esperienza accumulata dai suoi creatori. I principali metodi di distribuzione di Zergeca includono lo sfruttamento di password Telnet deboli e vulnerabilità CVE-2022-35733 e CVE-2018-10562.

Dall’inizio di giugno 2024 Zergeca ha preso di mira Canada, Usa e Germania. Il tipo principale di attacco è stato ackFlood (atk_4) e le vittime sono stati diversi sistemi autonomi (ASN). Zergeca funziona su architettura x86-64 e prende di mira la piattaforma Linux, ma i ricercatori hanno trovato anche riferimenti ad Android e Windows nel codice della botnet, il che suggerisce futuri scenari di sviluppo del malware.

Zergeca ottiene la persistenza sui dispositivi compromessi aggiungendo un servizio di sistema “geomi.service”, che garantisce che il processo si avvii automaticamente al riavvio del dispositivo. La crittografia delle stringhe utilizza XOR con una chiave codificata.

La botnet include il modulo Silivaccine, che elimina le minacce della concorrenza come miner e trojan, garantendo il monopolio sul dispositivo infetto e sfruttando le massime prestazioni.

La scoperta di Zergeca dimostra la continua evoluzione e sofisticazione delle botnet. Con le sue funzionalità avanzate, coerenza e flessibilità, Zergeca rappresenta una seria minaccia. I professionisti della sicurezza informatica devono rimanere vigili e adottare misure proattive per identificare e mitigare tali minacce.

Redazione
La redazione di Red Hot Cyber è composta da un insieme di persone fisiche e fonti anonime che collaborano attivamente fornendo informazioni in anteprima e news sulla sicurezza informatica e sull'informatica in generale.