Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora
  • English

INTEL produce il primo chip dedicato al mining di criptovaluta

Intel ha annunciato il lancio di un nuovo chip ASIC Blockscale per il mining di Bitcoin e altre criptovalute simili basato sull’algoritmo SHA-256. La novità offre un elevato livello di efficienza energetica con un livello di prestazioni molto elevato.

Le caratteristiche principali del nuovo chip includono un processore ASIC dedicato con Secure Hash Algorithm 256 (SHA-256). L’hash rate del processore raggiunge i 580 GH/s e l’efficienza energetica fino a 26 J/TH. Sono presenti sensori di temperatura e tensione integrati.

“L’ASIC Intel Blockscale svolgerà un ruolo importante nell’aiutare le società di mining di bitcoin a raggiungere i loro obiettivi di sostenibilità e il ridimensionamento dell’hash rate nei prossimi anni”

ha affermato Jose Rios, direttore generale di blockchain e soluzioni aziendali presso il gruppo Accelerated Computing Systems and Graphics di Intel .

Secondo l’annuncio, Argo Blockchain, Block Inc., Hive Blockchain Technologies e GRIID Infrastructure hanno già firmato per acquistare la novità.

Advertisements

Viene chiarito che Intel fornirà ai clienti solo il chip ASIC stesso e non un sistema di mining completo.

“Lo slancio attorno alla blockchain continua a crescere”

ha affermato Balaji Kanigicherla, vicepresidente e direttore generale di Intel di Custom Compute nell’Accelerated Computing Systems and Graphics Group, in una dichiarazione.

”È l’abilitante dell’elaborazione decentralizzata e distribuita, che apre la strada a modelli di business innovativi. Per alimentare questa nuova era dell’informatica, Intel offre soluzioni in grado di offrire un equilibrio ottimale tra velocità effettiva di hashing ed energia efficienza indipendentemente dall’ambiente operativo del cliente. I decenni di ricerca e sviluppo di Intel nella crittografia, nelle tecniche di hashing e nei circuiti a bassissima tensione consentono alle applicazioni blockchain di scalare la propria potenza di calcolo senza compromettere la sostenibilità”.