Red Hot Cyber

Sicurezza informatica, cybercrime, hack
news, e altro ancora

La Corea del Nord attacca gli esperti di politica estera sud coreani

Gli hacker sostenuti dallo stato della Corea del Nord hanno preso di mira almeno 892 esperti di politica estera della Corea del Sud per rubare i loro dati personali e le liste di posta elettronica, nonché eseguire attacchi ransomware contro i rivenditori online, ha rivelato l’Agenzia di polizia nazionale della Corea del Sud.

Secondo le autorità, gli attacchi hanno preso di mira principalmente esperti e professori di think tank e sono iniziati già dallo scorso aprile attraverso e-mail di spear phishing inviate da più account che si spacciavano per funzionari sudcoreani. 

Queste e-mail includevano un collegamento a un sito Web falso o un allegato dannoso progettato per infettare i sistemi con malware.

L’agenzia ha affermato che diversi eminenti esperti sono stati vittime degli attacchi e hanno subito il furto dei loro dati personali, con la conseguente compromissione degli elenchi di posta elettronica.

È stata anche la prima volta che la polizia ha osservato hacker nordcoreani che utilizzavano ransomware nei loro attacchi. 

Tredici aziende, principalmente rivenditori online, sono state colpite da attacchi ransomware, ma solo due di loro hanno pagato il riscatto di 2,5 milioni di won (1.980 dollari).

La polizia ha affermato che gli hacker hanno riciclato i loro indirizzi IP e utilizzato 326 server in 26 paesi per rendere difficile rintracciarli online. 

Le autorità sospettano che l’autore della minaccia dietro gli attacchi sia lo stesso gruppo che ha violato Korea Hydro e Nuclear Power nel 2014.

La scorsa settimana, il National Intelligence Service (NIS) della Corea del Sud ha rivelato che gli hacker nordcoreani hanno rubato circa 1,5 trilioni di won (1,2 miliardi di dollari) in criptovalute e altre risorse virtuali negli ultimi cinque anni, inclusi circa 800 miliardi di won (626 milioni di dollari) solo quest’anno.